Yoga del suono: un'opportunità di eccezione

In compagnia di Eva Espeita (Swamini Radhananda Saraswati), Jorge Lozano e Alicia Corral, nell'amore con la ricerca musicale come un mezzo di portare la vita e la coscienza verso la loro massima espansione, ritorno per offrire, dall'umiltà e dedizione che merita, la potenza dell'uso del suono in meditazione su questo corso-sadhana che inizia il 3 aprile. Scrive Eva Espeita (Swamini Radhananda Saraswati).

OLYMPUS FOTOCAMERA DIGITALE
OLYMPUS FOTOCAMERA DIGITALE

Sempre più, il suono diventa il centro della vita, una vita che, dedicato allo studio, pratica ed insegnamento della tradizione meditativa dell'India in tutte le sue dimensioni, assiste alla nascita di quello che è sempre stato lì, seguendo gli insegnamenti dei maestri , testi classici, la sadhana intensa: il suono.

"Colui che conosce l'arte di suonare il vinā e altri strumenti, che è un esperto di intonazione (ṣruti) e teoria (ṣāstra) e conosce l'arte della metrica musica, immettere la via della salvezza (mārga mokṣha) senza sforzo." Nātyaṣāstra 200 a. C. Bharata.

Nel cuore dell'India il sole sorge e va lentamente; Rosso, lo vediamo in tutta l'eternità bagnata l'abbagliamento e il suono dei pavoni, nel volo delle risa e la densità di registrazione di questa musica anticacosì antico che ci perdiamo nella storia a trovare ma che ci fa vivere nel presente con un potere che non ci siamo incontrati prima.

Così, attraverso questo presente medicina appropriata, Osserviamo il movimento della mente calma completamente nell'assorbimento (laya), trasmutando la mente (emozioni, pensieri, ricordi, personalità) in modo naturale, senza traumi, senza sforzo (come dice il testo della Nātyaṣāstra), nello stesso modo che occupati uccelli di passaggio in questa primavera senza tempo continuano il loro volo nel cielo infinito e scompaiono in lontananza.

Nostra vita può sfilacciare nel vuoto e grigio, tutti i giorni nelle nicchie della modernità, nella normalità che abbiamo schiacciato, in tutto ciò che nasconde la grandezza del nostro essere, il gigante cosmico che siamo ognuno di noi. E contrariamente a questo, il nostro ascetismo e nostra gioia)Yoga e Bhoga), la potenza è davvero a nostra disposizione e che ci innalza, ma che rende solo se siamo degni veicoli per il transito, per la sua discesa dai regni sottili ai quei manifesti in cui i nostri membri ballano ogni giorno.

La gioia di luce, di forza, può tornare a noi e rimanere, soggiornare in una vita di piacere e di estasi. Abbiamo sperimentato più volte questa estasi lungo le diverse meraviglie che la vita ci ha offerto in questo, la nostra incessante ricerca di percorsi che l'umanità è venuto nel perseguimento della sua illuminazione, ma abbiamo raggiunto una svolta punto quando, Dopo molti approcci, la musica classica dell'India attraverso di noi.

E per questo ora e dopo aver osservato che questo tesoro è scarsamente conosciuto anche nell'India proprio, che in realtà, in alcune delle sue forme è stato sul punto di scomparire, ed è così vantaggioso per lo sviluppo dell'umanitàVogliamo fare tutti gli sforzi per integrare in noi e condividerlo, ringraziandoli per il sostegno di tutti coloro che sono stati in grado di ascoltare e vivere da e a quest'arte.

Il mondo sta andando per il disastro se l'essere umano non si connette con il suo amore incondizionato, con la sua sensibilità, con il lavoro permanente su se stesso dal risveglio. Troviamo che facendo questa arte abbiamo partecipato nel sollevare la vibrazione del mondo, interno ed esterno. Ora, a Madrid è possibile scoprire la meraviglia dello Yoga del suono dalle loro radici ancestrali e profonde indiani diretti al cuore di tutti gli esseri.

Programma

Su una sadhana, costruito in cinque fasi in modo cumulativo, unificato personale pratica inizierà a studenti nella teoria e nella pratica delle seguenti tecniche di meditazione di Yoga del suono:

  • Pratica di meditazione esterno sul sviluppo di ascolto profondo diverse sorgenti sonore (strumenti umani, ambientali).
  • Pratica di meditazione interiore sul raffinato ascoltando il suono primario interno (soprattutto anusandana) dalla tradizione tantrica.
  • Pratiche di meditazione attiva in apertura della voce e respiro attraverso esercizi selezionati da Pranayama, così come un adattamento del da specifiche metodologie di canto Dhrupad sulla base della linea (Giordy Jermini) con il suono il ritornello strumento generato Tampura: Karaj (ricerca i toni più bassi e la sua risonanza nel corpo) e Ākar (articolazione della vocale "a") e il perseguimento della Svar o tuning.
  • Fonetica, articolazione e la metrica della lingua sanscrita e il suo utilizzo nel canto dei Mantra vedici (dal canto monotono finché l'uso di tre cosiddette "magiche" note che compongono tutto il canto vedico: udatta, anudatta e svarita), utilizzare mantra e sillabe tradizionale della Dhrupad y en los bijamantras del tantra.
  • Prácticas de meditación y armonización sutil a través de un trabajo de visualización del ascenso y descenso de la energía por el canal central a través del canto simultáneo de los bijamantras de la tradición tántrica relacionados con los centros energéticos del cuerpo y de rāgas (escalas modales indias nacidas de la tradición del Nada yoga), cuyos diversos grados también podemos corresponder con la vibración de los chakras.
  • Il mantra o pranava OM en los textos, la tradición y la práctica como mantra central de toda la tradición sonora de India.
  • Trabajo exhaustivo de comprensión de la relación entre melodía y ritmo, come i componenti di base del fenomeno musica e come simboli e chiare esperienze di spazio e tempo nella nostra vita.
  • Il fenomeno della musica nell'essere umano come mezzo di trasformazione e guarigione da fisica per il sottile e il rapporto tra emozione devozionale (bhakti bhava) e tecniche di precisione nell'esecuzione.
  • Studio della fenomeno del suono nei testi tradizionali: veda, Upanishad, yoga-Sutra, Tantra e shastras.

Orari: Dalle 10:00 a 14:00

Date (domenica): 3 di aprile 2016/24 aprile / 8 maggio / 22 maggio / giugno 12

Durata totale: 20 ore

Struttura delle sessioni:

10:00 / 11:30 pratica collettiva del Nāda Yoga Sadhana, inserendo nella fase corrispondente.

11.30 / 12:00 Pausa para almorzar

12:00 / 13:30 teoria, domande e risposte

13:30 / 14:00 Práctica Final para cerrar la sesión

Chi è questo corso

Practicantes de Yoga que deseen profundizar en el estudio de esta tradición, así como profesoras o profesores que quieran desarrollar una práctica genuina y completa.

Músicos o artistas escénicos que deseen ahondar en el potencial meditativo y sanador de su medio (el sonido, la voz).

Si bien se recomienda una cierta experiencia y una disposición clara, sincera y comprometida hacia la práctica meditativa, no se requieren sin embargo, para poder seguir satisfactoriamente este curso, conocimientos previos avanzados sobre yoga o música.

Proponemos una Sadhana, lo cual implica desarrollar una práctica personal diaria, seguendo le istruzioni offerti durante le sessioni per le quali si sono dato tutte le spiegazioni necessarie e chiarimento di dubbi, accanto le proprie sessioni guidate che servono come riferimento.

Un ampio orientamento si terrà una mañana de domingo cada tres semanas, pero el resto del tiempo el o la practicante habrá de practicar siendo su propia guía, lo cual expresa el espíritu del Yoga de “aprender a reconocer a nuestro maestro interior”.

Aportación: 200 € para socios activos o para socios que hayan dejado la asociación hace menos de un año. Y 220 € para nuevos socios o socios que hayan dejado la asociación hace más de un año.

Los profesores

Eva Espeita sinistra (Swamini Radhananda Saraswati) Lei è il fondatore, co-organizzatore e professore di Yoga integrale in scuola di Aushadhi Yoga a Madrid (Spagna) attraverso seminari, workshop, corsi, ritiri e corsi regolari. Si inizia nel Yoga nel 2001 e si è dedicato al suo insegnamento dal 2003 principalmente in Spagna e anche all'estero. Le sue aree di insegnamento includono: corpo Yoga (Hatha Yoga, antichi e moderni, secondo diverse scuole tra cui Asana, Pranayama, Mudra e Bandha), Yoga di energia (Kundalini Yoga - Kriya Yoga, Chakras, Prana Vidya), Yoga del suono e devozionale (canto Dhrupad, Nada Yoga (, Bhakti Yoga, Mantra e Kirtan), mentale (Antar Mouna, Patanjali, Raja Yoga, Yoga Nidra) e Yoga della conoscenza (Jnana Yoga, tradizione letteraria di Yoga e Vedanta, Tantra e le filosofie del Shaivism). Gran Bretagna è formata inizialmente e per anni dal lignaggio tantrico con discepoli diretti di Swami Satyananda Saraswati come Danilo Hernández (SW. Digambarananda), Nishchalananda SW. (che ha cominciato come un Sannyasin - Swamini nel 2011) e SW. Gyandharma in Spagna, e Cina, con cui ha vissuto, accompagnato e tradotta in diversi seminari e ritiri. Explora también otras visiones y escuelas relevantes en el trabajo corporal (como Pattabhi Jois con Borja Romero Valdespino, Gustavo Ponce, John Friend, Feldenkrais con Marye Wyvill, respiración y movimiento prenatal con Montse Cob, Kung – Fu / Wushu en la escuela Wudao).

Ha traducido del inglés al castellano a varios maestros extranjeros de Yoga y Meditación en retiros y seminarios. Tras un aprendizaje autodidacta y también dirigido en la música desde el rock a la música sacra europea, pasando por la música mediterránea (Efrén López) y desembocando en la tradición sonora de India (Rajesh David, Russil Paul), se dedica especialmente al estudio del Dhrupad (la música clásica indostánica más antigua) con Amelia Cuni en Alemania y con sus maestros Pandit Padmashri Ramakant Gundecha y Pandit Padmashri Umakant Gundecha (The Gundecha Brothers) en Italia e India, donde acude regularmente para formarse. Es fundadora del proyecto de investigación musical Sunyata en conciertos, viajes de sonido y retiros en la naturaleza.

Iniciada en estudios sobre Filosofía del Arte y Estética, Mitología y Simbología, etc. por Marta Espeita Izquierdo, es también estudiante de varios sistemas de meditación que han surgido a lo largo de la historia (Budismo, Taoísmo, Cábala, Tarot Cabalístico, Alquimia Medieval Europea, Chamanismo). Se mantiene en contacto con el estudio académico de estas tradiciones de forma autodidacta y asiste a los cursos de doctorado de Ciencias de las Religiones en el Instituto Universitario de Ciencias de las Religiones de la Universidad Complutense de Madrid.

.

Alicia Corral es artista e investigadora en el campo de las artes performativas y la voz. Licenciada en Interpretación por el Institut del Teatre de Barcelona. Máster en Estudis Teatrals por la Universitat Autònoma de Barcelona y Doctoranda en Artes Escénicas por la Universidad Rey Juan Carlos de Madrid.

Ganadora del premi de perfeccionament 2009 del Institut del Teatre “Living movement/Eurithmy” y del premi de perfeccionament 2010 concedido por el Institut del teatre “Una aproximación a la técnica de los Baúl de Bengala”. Siguiendo el rastro de Grotowski ha trabajado con Thomas Richards, Mario Biagini, Jairo Cuesta, Jim Slowiak, Abani Biswas, Pei Hwee Tang y Pere Sais.

En 2005 realizó un trabajo de campo en India, trabajando con cantantes de la tradición Bāul, especialistas en la práctica del canto védico como Raddha Sundararajan, Sobhana Srinibasan y Manaka Desikachar y colaboradores de Grotowski como Abani Biswas y su grupo Milon Mela, estudiando antiguas técnicas de yoga del sonido, yoga vocal, cantos Bāul y recitación védica. En 2013 acabó su formación como cantante y especialista en canto védico entre India e Inglaterra con la escuela K.Y.M. de Chennai (India) y la S.K.Y., Chennai (India), además de hacer formación como instructora de yoga en la SVYASA University de Bangalore (India).

Nel 2014 è stato certificato alla Central School of Speech and Drama, Londra come professore associato di recitazione e vocale metodo di allenamento Fitzmaurice Voicework®. Lei è il fondatore del gruppo di Vedic chant "Namaskar" insieme a Olga Solà e Shrestha Manish che nel 2014 pubblicò il suo primo album a Barcellona. Attualmente lavora come insegnante alla Escuela Superior de Arte Dramático de Galicia nel dipartimento di teatro fisico. Nel 2015 continuerà le sue ricerche vocali in India, per apprendere l'antica arte del canto Dhrupad pratica attraverso artisti Umakant Gundecha e Ramakant Gundecha indù.

Jorge Lozano Cabrero inizia la sua attività musicale con la zona della chitarra rock, jazz e flamenco, studiando con insegnanti come Ramón Montoya e Juan Sánchez, mentre l'apprendimento la cassa e altri strumenti a percussione in modo autodidatta. Si prosegue con percussioni classiche in Neopercusión, dove scopre India, Oriental e Afrolatina percussioni con professori quali Serguei Sapricheff, David Mayoral e Nantha Kumar. Così, comincia a viaggiare in vari paesi come Marocco, Egitto e India, per studiare e imparare queste musiche nelle loro origini e tradizioni. Imparare la ritmica Karnatica nel Ganesh Tala Vadya Vidialaya di Chennai (sud di La India) con la famiglia Vinayakram, che lavora come chitarrista e percussionista in vari spettacoli e registrazioni. Varanasi (norte de La India) imparare il ritmica indoustani tabella Issuar Lal Mishra master e il master di Pakhavaj Pandit Sri Kant Mishra. Scopri l'Oud arabo e conosce la musica orientale sotto la tutela di Sudanese master Wafir Sheikh, con il quale lavora regolarmente. Egli collabora, accompagna o compone in diversi progetti come Manglis Rasa Andrés Olaegui Quartet, Khairkan, battere a macchina, Shankara, Algures trio, Vikku Vinayakram, Pandit Baluji Arben, Pandit Ashok Pathak, Atta Chakki, Selva Ganesh, Mukti, Vishnu, Cingaro Drom, registrazione e tacco, Javier Paxariño...

Ha organizzato corsi e workshop come musicista ed educatore sociale, con i bambini dalla scuola materna, primaria, secondaria, adolescenti e adulti durante gli ultimi anni in collaborazione con scuole e comuni in Spagna e organizzato da Zanzibar World Music Jam, prima Jam session di musica di Madrid. È anche docente di musica presso il Festival Etnosur e Filmec. Stava dirigendo il dipartimento di musica presso la scuola ufficiale di musica e danza indiana, "Nataraya" connesso con l'Università delle arti a Allahabad, India. Esso è accompagnato in kirtans del Bihar School of Yoga di Swami Satyasangananda Saraswati. Negli ultimi anni, e ha dedicato alla ricerca in musica come una forma di meditazione attraverso Sunyata il vostro progetto di ricerca nel lavoro di musica estatica, meditativa attraverso concerti, tour audio e ritiri nella natura con Eva Espeita Aushadhi scuola di Yoga (Swamini Radhananda Saraswati) e Victor Oribe in Voarte. Ora parte di Rasa, Duo di Nad, Franco Barral tercerto, Ara Malikian, 15 Prau katrapay Naoum, come pure altre collaborazioni.

Altri articoli su , , ,
Da • 27 marzo 2016 • sezione: Classi, corsi e workshop, Eventi