Yantra, geometria sacra indù

Uno yantra è fondamentalmente un diagramma che può essere composto da una o più figure geometriche. Quando si combinano questi, c'è un'interazione energetica molto potente. Scrive Juan Carlos Ramchandani (Krishna Kripa)

La parola sanscrita yantra deriva dal prefisso patata dolce che significa "concepire", "concezione mentale". Yantra significa quindi letteralmente "dispositivo", "artificio", "meccanismo", "strumento" o, più precisamente, "strumento". Si riferisce ad alcune complesse rappresentazioni geometriche dei livelli e delle energie del cosmo (personalizzate sotto forma della divinità scelta) e del corpo umano (come replica microcosmica del macrocosmo).

Gli yantra sono ampiamente utilizzati nelle cerimonie indù, dove sono considerati come il "corpo" della divinità personale (ishta-devata). Sono disegnati su carta, legno o tessuto; sono anche registrati in metallo o altri materiali, e sono anche progettati in tre dimensioni in fango, sabbia o metallo. Gli Yantra sono composti da un quadrato contenente cerchi, petali di loto e una radice o un centro bindu (letteralmente: punto). Nel loro design sono considerati numeri con potere per la numerologia e l'astrologia indù: da 1 a 9 e 0 che permettono di formare gli altri numeri. Il colore è un altro aspetto importante, poiché il bianco, l'arancione, il rosso e il blu sono i colori più rilevanti. Gli yantra sono sempre geometrici e designano un diagramma simbolico che, in due o tre dimensioni, spazia dalle dimensioni di un punto o triangolo alle dimensioni di un tempio, progettato per attirare energie positive e per proteggere dalle energie negative.

Secondo la Puranas (testi sacri), migliaia di anni fa i rishis abitavano le grotte himalayane, allontanandosi dall'umanità e dalla sua crescente caduta nella samsara (ciclo di nascite e morti ripetute). Conduvano una vita di austerità, penitenza e meditazione per liberarsi e raggiungere l'Illuminismo.

Un giorno ricevettero un messaggio divino da Vishnu, il Signore supremo, che li avrebbe aiutati in questo processo. Così, con questa rivelazione è come nasce la filosofia del tantra-yantra-mantra. Shaivas rishis dicono che è stata Shiva a apparve loro.

Che Shiva o Vishnu siano i creatori di questa forma di sadhana, possiamo considerarla una tecnica di meditazione e purificazione dell'essere.

La parola "tantra" significa reticolo. Consiste nella radice così: estendere, espandere. L'intenzione è quella di espandere la saggezza ottenendo la crescita spirituale e la liberazione, dando valore al proprio corpo, sia fisico che energetico, come elemento positivo da cui aspirare all'illuminazione. Il corpo è una rappresentazione del macrocosismo e questa nozione metafisica comprende il karma (che è fondamentalmente l'azione e l'effetto prodotto), la pratica dei rituali (bids e homas) e l'esperienza di ciascuno nel processo liberatorio dell'anima (atman) che si traduce in energia organica, sottile e spirituale.

Questa corrente sarà in parte fusa con aspetti di hatha yoga, al fine di ottenere il pieno controllo sulle energie del corpo.
Gli yantra sono strumenti visivi che aiutano la meditazione, essendo rappresentazioni geometriche, numeriche e/o scritte delle diverse divinità (manifestazioni di Dio), percepite dai grandi Rishi dell'antica India.

Il Vastu e gli Yantra

Vastu è uno degli upa-vedas (veda complementari) che si occupa dell'influenza delle leggi della natura sulle costruzioni umane. Si basa su una serie di trattati che raccolgono i diversi precetti che devono essere rispettati quando si progetta un edificio per qualsiasi uso; che si tratti di una casa o di un tempio. Secondo l'induismo, il vastu ritiene che l'universo sia composto da cinque elementi: terra, acqua, fuoco, aria ed etere, e che la progettazione di un edificio deve raggiungere una relazione equilibrata tra di loro. Vastu è considerata l'origine del Feng-shui cinese.

Possibili errori o difetti energetici nella costruzione del luogo, scarso orientamento delle camere, ecc., possono essere rettificati con il posizionamento di diversi yantras per bilanciare e ripristinare le energie dell'edificio e allo stesso tempo proteggerlo da influenze negative. Questo può essere verificato studiando un esperto di vasati o vastu, che raccomanderà gli yantra appropriati e i rituali di accompagnamento.

Le prime civiltà dell'India diedero loro poteri magici, come il ritorno alla salute, il superamento di alcuni pericoli e la causa delle piogge, tra le altre qualità.

Vantaggi dell'utilizzo degli yantra

Attualmente, alcuni usano yantras come talismani o amuleti, ma sono utilizzati principalmente come strumento per la meditazione, in quanto promuovono la calma e la concentrazione, promuovendo il benessere fisico, psicologico e spirituale.

Lo yantra, usato come strumento di meditazione, funge da punto focale verso l'assoluto. È stato progettato per aumentare la consapevolezza e avvicinare il praticante ad un più alto grado di spiritualità. Ciò si ottiene grazie alla capacità di attirare l'occhio verso il centro della composizione, che di solito è perfettamente simmetrica.

Alcuni rituali yantras sono utilizzati anche terapeuticamente. Inoltre, possono essere creati yantra specifici per una particolare malattia o persona, come un amuleto che svolge la protezione contro gli squilibri energetici, incantesimi, ecc. In ogni caso, l'efficacia dello yantra dipenderà dalla qualità della concentrazione e della visualizzazione dell'abile, oltre alla sua padronanza delle energie sottili.

Differenza tra yantra e mandala

Mandala e yantras sono diagrammi sacri utilizzati dall'induismo e dal buddismo per rappresentare la struttura dell'Universo e dell'essere umano, considerata una replica microcosmica del macrocosmo. Sono una proiezione geometrica del cosmo, e di solito sono organizzati da un cerchio (centro dell'universo e supporto di concentrazione) inscritto all'interno di una forma quadrangolare. In pratica, gli yantra indù sono lineari e geometrici, mentre i mandala buddisti sono figurativi. Il suo scopo è simile agli yantra. Essi sono utilizzati per scopi di concentrazione, scopi devozionali o per aumentare la conoscenza personale e la saggezza.

Lo stile e il significato specifici di ogni mandala o yantra è spiegato secondo il tempo e sampradaya (scuola filosofica) che lo crea; ci sono vaishnavas (consacrati a Vishnu), shaivas (consacrati a Shiva) e shaktas (consacrati a Shakti, la Dea Madre). I mandala sono spesso fatti con elementi fragili e deperibili come sabbia, petali di fiori o riso. La costruzione di un tale mandala è approfondita e richiede diversi giorni. Tuttavia, una volta finito viene distrutto per adempiere a uno degli scopi fondamentali della sua filosofia: mostrare l'impermanenza delle cose, promuovere il distacco. La creazione di un mandala o di uno yantra è, oltre a un lavoro elaborato che sviluppa pazienza e costanza, una meditazione attiva, un potente strumento di concentrazione e relax. Il rapporto stabilito attraverso la contemplazione della sua geometria porta ad uno stato mentale che invita samadhi o unione con la Divinità.

Yantra e mantra

Ogni yantra ha un mantra (telefono sacro) attraverso il quale la mente individuale evoca l'energia cosmica attraverso i tre corpi: causale, sottile e materiale. Lo yantra è anche visto come un vaso di energia mantra.

Inoltre, gli yantra sono completati dai mantra, in quanto armonizzano l'energia del praticante con quella dello yantra, che a sua volta vibra con l'energia infinita dell'Universo. Nella meditazione, entrambi gli strumenti sono generalmente utilizzati contemporaneamente.

Uno yantra correttamente energetizzato contiene la stessa energia della divinità ed è l'essenza di quella divinità. Uno dei significati sanscriti della parola yantra è quello di un utensile o di una macchina, quindi uno yantra è una macchina che serve a manifestare l'energia della divinità che rappresenta nel luogo in cui è collocato.

Energetize a yantra

Affinché uno yantra cessi di essere solo un disegno geometrico e diventi il corpo fisico di una divinità, deve essere debitamente ritualizzato da una purahita (prete indù) che esegue una cerimonia di fuoco (homa) utilizzando strumenti e riti appropriati per installare il respiro della vita (prana pratishta) e quindi invitare la divinità a risiedere in ogni yantra. Così nessuna figura o immagine di una divinità è potente come uno yantra ritualizzato.

Per adorare lo yantra (precedentemente installato), è necessario prima fare un bagno purificante. Lo yantra dovrebbe essere posizionato rivolto verso est su una mensola di legno e offrire incenso, una candela, fiori, frutti, tra gli altri. Seguendo le istruzioni di un insegnante, il mantra yantra appropriato sarà recitato al momento opportuno e con una durata fissa. Non si tratta di osservare i dettagli dello yantra, ma di mantenere lo sguardo al centro, poiché l'intera composizione è contemplata nel suo insieme.

Gli yantra sono usati solo come oggetti di culto, meditazione e protezione, permettendo al praticante di favorirsi con la sua energia.
Questa disciplina intellettuale di utilizzare gli yantra nasce dal più alto pensiero dell'India e dà origine al culto della divinità in tutte le sue forme, mentre allo stesso tempo è un percorso di liberazione.

Tipi di yantra

C'è uno yantra per ogni desiderio, ma lo yankee più famoso di tutti è lo Sri Yantra. Sri Yantra considerava lo yankee supremo, quindi contiene e trascende tutti gli altri. Il nome si riferisce all'energia della dea (Sri), riassunte in un complesso schema di forme consacrate a Shakti (per gli Shaive) e Lakshmi (per i Vaishnavas). Questo Yankee garantisce la vittoria a tutti i livelli. È composto da nove triangoli giustapposti e posizionati in modo tale da originare un totale di 43 piccoli triangoli. Quattro dei primi nove triangoli puntano verso l'alto e rappresentano l'energia cosmica maschile (Shiva); gli altri cinque punti verso il basso e simboleggiano la forza femminile (Shakti). Questi triangoli sono circondati da un loto a otto petali che simboleggia Vishnu. Il loto seguente, con sedici petali, rappresenta la conquista dell'obiettivo desiderato, in particolare il potere dello yogi sulla mente e sui sensi. Tra queste lore ci sono quattro linee concentriche che si collegano simbolicamente con i due loti. La tripla linea intorno ad essa è chiamata la "città della terra" (bhupura) e designa il luogo consacrato che può contenere l'intero universo o, per analogia, il corpo umano.

Diversi tipi di yantras e le loro proprietà

  1. Ganesha: per avere successo in nuove attività e inizi.
  2. Durga: protegge da furti, litigi, incidenti, incendi e problemi di vita.
  3. Hanuman: contro gli incantesimi, il vigore per superare problemi difficili e cambiare situazioni impossibili.
  4. Vishnu: elimina paure e fobie, aumenta e migliora le amicizie.
  5. Lakshmi e Kubera: prosperità e ricchezza.
  6. Parvati / Uma: felicità coniugale; risolve i problemi con la coppia.
  7. Mahamritu'jaya: prolungare la vita, prevenire la morte improvvisa, prematura o imminente.
  8. Shiva: per la pratica dello yoga.
  9. Navagraha: Yantra dei 9 pianeti vedici, per bilanciare i chakra e per la prosperità in generale.
  10. Dhanvantari: malattie sane e fornisce una buona salute.
  11. Sarasvati: l'apprendimento, la conoscenza, l'intelligenza e la saggezza.
  12. Vastu Purusha: correggere i difetti energetici nella costruzione di casa o sul posto di lavoro.
  13. Krishna Gopal Santan: previene gli aborti e concede bambini sani alle coppie.

Questi diagrammi simbolici si trovano solo in India in 120 templi e monasteri indù (108 consacrati a Vishnu e alle sue incarnazioni, e 12 a Shiva), e sono sorvegliati dai sacerdoti stessi o bramini. Nessuno ha accesso ad essi, se non attraverso la mediazione, l'intervento o l'approvazione del Guardiano dello Yantra. Dopo un accurato e lungo lavoro di ricerca, l'autore di questo articolo ha ottenuto l'accesso ai libri sacri e segreti contenenti queste informazioni e riproducendo gli yantra in metallo e carta, seguendo la tradizione ancestrale, commissionando agli artigiani indù un duro lavoro di artigianato, al fine di metterli a disposizione del pubblico occidentale, in modo che tutti possano beneficiare delle forze soprannaturali racchiuse in questi strumenti divini di potere spirituale. Lo yantra deve essere inciso su metallo o stampato su carta in un momento propizio determinato da complessi calcoli astrologici. Gli yantras sono benefici per tutta l'umanità indipendentemente dalla razza o dal credo, e possono essere un importante complemento nella meditazione dei praticanti di yoga.

Se vuoi ottenere uno yantra ritualizzato, puoi scrivere direttamente all'autore al seguente indirizzo email: ramchandanijc@gmail.com e lui può consigliarti sul tipo di yankee che ti si addice in base alle tue esigenze o desideri.

Chi è

Juan Carlos Ramchandani è purohit (prete indù), yoga-acharya (insegnante di yoga) e Dottore di filosofia tradizionale indù. Ha pubblicato 11 libri e numerosi articoli su yoga e induismo. Viaggia in tutta la Spagna tenendo conferenze ed eseguendo cerimonie vedici.

http://jcramchandani.blogspot.com.es/

Altri articoli su
Di Per • 9 Jul, 2013 • Sección: Firme