Lo + visto/ Entrevista con José Carballal

Esta entrevista fue un bombazo, leíada por miles de personas. El título rezaba: “El problema del Ashtanga es que se enseña muy mal”. Lo dijo este discípulo Saraht Jois, profesor autorizado por la escuela de Mysore para enseñar las series primera y segunda. Los principiantes llegan a la escuela de José soñando con tener el cuerpo de Madonna y acaban descubriéndose a sí mismos.

Jose Carballal

Actor de profesión, en la escuela de interpretación a la que asistía José le recomendaron hacer yoga para mejorar la expresividad de su cuerpo, que acumulaba mucha tensión, y para recuperarse de una pericarditis (inflamación membrana del corazón). Necesitaba relajarse y abrirse. Empezó en la escuela Sivananda, en donde estuvo haciendo Karma Yoga, limpiando y ayudando a cambio de ir a clase.

“El Yoga me enganchó muy rápido, me dije: esto es. Luego estuve probando diversos estilos y cuando me encontré con el Ashtanga,volví a pensar: esto es lo mío. A los pocos meses, fui a Mysore (India) por primera vez”. Corría el año 2002. Allí estudió con Sharaht, guru actual y nieto de Pattabhi Jois. El azar quiso que la profesora de Ashtanga con la que José estudiaba en Madrid se fuera a Estados Unidos, y los propios compañeros de José le pidieron que tomara la responsabilidad de las clases. “Ahora lo pienso y me parece una irresponsabilidad total; era prontísimo para empezar a enseñar”. De vuelta de Mysore decide empezar a enseñar en el salón de su casa de Malasaña. Años más tarde abriría Mysore House Ashtanga Yoga, su actual centro de Madrid, junto con su socio Rafael Martínez.

¿Qué es para ti un guru?
Alguien que no lo hace por ti, sino que te acompaña en el camino; es fundamental que sea alguien que te inspire, tienes que ver el ejemplo en él. Es lo que me pasa con Sharath: es alguien que camina el camino; no te lo dice sino que lo vive. Soy afortunado porque tengo un guru y un maestro: Sarath es el guru y Peter Sanson el maestro, uno de los primeros alumnos occidentales de Pattabhi Jois. Yo veo el yoga en ellos, viven el yoga las 24 horas.

Fare non insegnanti forme nel vostro centro?
No, non sono né treno, meno tipo insegnante tranning. Non credo che qualcuno pagato non so quanti soldi, sono alcuni weekend e dargli un detto di carta: "già sei un insegnante, perché si può insegnare". Non sembra reale. Credo molto nel metodo tradizionale. Ashtanga - che ha generalmente non molto buona fama nel mondo dello Yoga, perché si sa molto poco, e perché insegna molto male - è un metodo molto tradizionale. Rispetta sempre la modalità di trasmissione da maestro a maestro. Credo che un insegnante può formare individualmente e con un sacco di tempo, ma mi sembra che il più grande maestro è la pratica... Tutto questo dalla formazione degli insegnanti fa Yoga in una posizione molto delicata, perché l'integrità della pratica è fortemente impegnata.

Può spiegare di più?
Parece me super docente corsi di formazione c'e che ha da fare con approfondimento, capire. Ma questo concetto è un po' fuorviante 'Se fate 200 ore, darvi questa carta e sono già un insegnante', sembra pericoloso per me.

Significa che è un minimo, da cui uno continua ad approfondire...
Sì, quello che succede è che insegnare Yoga ha molto a che fare con l'essere in grado di passare, e penso che non possono insegnare e ovunque, per molte ore che fare o che si paghi. Ciò che più vi insegna è quello di avere una pratica quotidiana impegnata; uno deve essere quotidianamente in contatto con che si desidera trasmettere. La mia insegnante ha detto Peter Sanson: "tutti vogliono insegnare, ma nessuno vuole pratica". Ci sono molte persone che insegnano e pratica due, tre giorni alla settimana e che l'integrità è molto impegnata.

José Carballal in uno dei suoi corsi

E che la proposta per chi vuole insegnare?
Per me ha più senso investire nella vostra pratica e trovare un insegnante vi fidate, che vi ispirerà, di aiutarvi ulteriormente.

Che cosa fa Ashtanga che non porta un altro stile di Yoga?
Penso che funziona per tutti coloro che lo praticano, ma non credo che è per tutti. E non ha nulla a che fare con essa è una pratica elitaria o per persone con condizioni di equis, ma con la personalità di ogni tipo. Tutti Yoga è lo Yoga, e sono diversi percorsi per arrivare nello stesso posto. Ma non si può dire che Ashtanga è meglio di Iyengar o altro stile. È meglio per me; Ho provato tutti e che funziona per me è questo.

Come dovremmo essere per Ashtanga funziona per voi?
Gente vaga non può fare, è impossibile. Penso che questo può essere applicato a quasi tutti i Yogas, ma Ashtanga è un tipo di Yoga che ti dà un sacco, ma chiede un sacco troppo; È un radicale Yoga in un certo senso. Ed è una pratica che, come tutte le pratiche spirituali, è quotidiana.

È l'idea di che richiedono particolari condizioni fisiche Ashtanga...
Sì, è per gli atleti. Il gravissimo problema di Ashtanga, che ha molto a che fare con il boom degli insegnanti che ha parlato prima, è che ci insegna molto male per me. Ho praticato per dieci anni e due mesi fa mi ha detto: ah, è questo; Sto iniziando a studiare ora... Non smettere di imparare. Si devono prendere molti anni praticando ogni giorno per cominciare a capire la profondità e il sottile che ha la pratica. E che l'esperienza di anni, ti dà non la conoscenza superficiale. Questo è il problema: ci sono molti insegnanti di pratica di vita da un fisico e atletico, Yoga presentato come pure e insegnarlo pure. E questa idea sbagliata è esteso...

Mi sono venuto a chiedere telefonicamente: "Ehi, è che lo Yoga fa Madonna? Voglio quel corpo... "." Non sto dicendo che non perché la maggior parte delle persone iniziano lì e poi comincia a vedere il resto. Chiunque andare a Mysore o ascoltare Sharath si rende conto che è qualcosa di molto spirituale, ma come qualsiasi Yoga che è sostenuta dalla Yama e niyama e asana di lavoro come un modo per andare altrove...

Ashtanga è uno strumento. Usato correttamente è un sistema spirituale, olistico, che ' sano, calma la mente e aiuta a connettersi... Usato nel modo sbagliato che serve a gonfiare l'ego, a ferire, per mettervi sopra il resto. Dipende da come ti insegnano esso e come lo utilizza.

Quello che hanno scoperto la pratica entro dieci anni?
Ciò che ogni giorno è la stessa sequenza di asana (anche se quando solo la prima serie di iniziare a lavorare il secondo e diventare nuove sfide per la mente e il respiro), io la vivo come se uno è alla ricerca ogni giorno nello specchio stesso. Se voglio sapere esattamente come sono e vedo ogni giorno in un mirror diverso, io prenderò più tempo per vedermi. Ma vederti ogni giorno allo specchio stesso per me è il modo per conoscervi in troppo in profondità: che cosa è resistere, dove si trova la rabbia o tristezza, cosa mi sta dicendo questo di me. Il rapporto che si ha con la pratica ti parla di come si riferiscono al mondo; la pratica è una metafora di come siete nella vita. Penso sempre che ho un terapeuta gratuito due ore al giorno sei giorni alla settimana.

La scuola sarà molti attori, che cosa cercare in genere?
In generale, gli attori sono studenti che vengono su una ricerca spirituale che fisica. Anche in tema di concentrazione. Credo anche che agisce e praticare lo Yoga hanno molto in comune, anche se l'atmosfera è apparentemente molto opposto; Quando si agisce deve essere canale, lasciando l'ego e mettere al servizio di qualcosa di più grande, che è il carattere. Gli attori hanno, pertanto, più facile a fare quel salto di interpretazione per la pratica dello Yoga.

Cosa direbbe un principiante dovrebbe mettere sulla stuoia di Yoga, così come duro lavoro?
È inoltre necessario essere intelligenti per gestire la domanda, perché lavorare con troppa domanda solo facendo quello tirare l'asciugamano; Quindi ognuno deve trovare la sua strada. Dopo dieci anni, mi sento che quest'anno mi sono sposato con la pratica (sono stato amante con lei durante un sacco di tempo, perché c'è gente poco con tanta resistenza a compromessi come ho), e ci sono riuscito me commettere alla pratica quotidiana, ma in realtà facendo il q EU posso ogni giorno. Il mio impegno è stata messa al tappeto ogni giorno, e lì, fai quello che puoi. La mancanza di una maggiore domanda mi ha fatto desidera più e superare la resistenza.

http://ashtanga-yoga.es/mysore-house/

(Esta entrevista realizada por YogaenRed fue publicada el 14 de enero de 2013 y ha tenido miles de lectores).

Altri articoli su
Da • 24 Jul, 2019 • Sección: Come si è visto