Cinque fonti di energia

Come così giustamente ci ricorda sempre Ramiro Calle, yoga ci sono cinque fonti di energia primaria: cibo adeguato, una corretta respirazione, rilassamento cosciente, sonno profondo, pensiero positivo e meditazione. Possiamo anche vedere una sesta fonte di energia che sarebbe ottima esercizio fisico. Scrive Arribas viola.

Fonti di energia

Siamo energia e lavorare con l'energia.

Vita ci è dato grazie ad un'energia sottile tra più sottile chiamato Prana che essa permea tutto e che ci accedi principalmente dalla luce del sole, acqua, cibo e l'aria che respiriamo, e secondariamente Siamo in grado di espandere e amplificare utilizzando tecniche come la meditazione, rilassamento cosciente e le asana, tra gli altri e le abitudini legate alla routine, il più importante, cosa, quando, cosa e quanto mangiamo.

Ciascuno dei nostri tessuti, organi, pensieri ed emozioni sono costruiti di Prana; il nostro corpo è cibo (annamaya kosha) in primo luogo, da qui l'importanza di approfondire la nutrizione corretta.

Quando c'è identificazione continuo con i nostri pensieri, e queste sono di natura negativa, afflitto di condizioni malsane, paure, resistenza e l'avidità, le emozioni che abbiamo continuamente sequestrato sono per lo più ingrata e piena di ansia, e tutti possono vedere quali perdita di grande energia sono. Anche se siamo stati su una spiaggia esotica sdraiati al sole, come la mente è impigliata nella sua dualità, dipendenze e approcci non corretti il livello del Prana scenda tanto come esaurimento apparirà presto. Ecco perché è così importante fermare la mente, riposare ed ancora di più per riorganizzare ultimo grado consapevolezza e sviluppare una visione chiara.

È lì dove le tecniche di riposo consapevole, meditazione e pranayama, attraverso cui il controllo dell'energia vitale attraverso il respiro otterrà proprio venire aumentare il serbatoio di energia disponibile e consentono di essere nato in mente un spazio di calma e silenzio, Esso migliorerà di gran lunga la pratica della meditazione.

Il Pranayama -che significa espansione dell'energia vitale - è un insieme di tecniche che si allungano e sospeso il respiro, regia di potenza a particolari parti del nostro corpo, non solo seta del sistema nervoso centrale riducendo l'ansia, ma che siamo in grado di fornire una maggiore energia necessarie per svolgere le nostre attività quotidiane e raggiungere la notte senza sensazione di stanchezza.

Fonti interdipendenti

Tutte le fonti di energia si intrecciano insieme, essi sono interdipendenti: una cura è di avere un effetto in un altro; Infatti, il risultato più immediato di prendersi cura di alimentazione, la respirazione e la mente ad esso simmers, purificandolo per a fiorire le impressioni positive mentale, sarà sempre un sonno profondo senza sogni, di alta qualità che non significa, e quali la mattina successiva ci metteremo uno sensazione di vigore e di grande energia.

Molte persone si lamentano di stanchezza, anche da prima cosa la mattina. Sembra che l'origine della nostra stanchezza è una questione esterna a noi, ma non è così; Siamo gli unici responsabili. Cambiando le nostre abitudini, semplici linee guida e tecniche, Abbiamo molto possiamo migliorare i nostri corpi e le nostre menti, ottenere vitalità, prevenire le malattie e migliorare il nostro sviluppo.

Un workshop informativo

Riprenderemo questi interrogativi, che vale la pena di divulgare, in un workshop di quattro ore e mezzo, il prossimo Sabato 1 marzo alle Padmasana Center, sulle fonti di energia. Vi daremo le chiavi e strumenti su ciascuno di essi e comprenderà, come non potrebbe essere altrimenti, pratiche di pranayama, meditazione e modelli di nutrizione, sane abitudini di esercizio, purificazione e altre relative fonti di Prana.

Arribas violaChi è

Violetta Arribas Alvarez. Consulente di salute Ayurveda e insegnante di Yoga.

Direttore del centro di Padmasana Madrid.

www.padmasanacenter.com

Altri articoli su
Da • 25 febbraio 2014 • sezione: Classi, corsi e workshop, Eventi