La dimensione personale

Nelle prime due fasi della meditazione integrale (Vedi prima e secondo parte) hanno rafforzato la nostra connessione con il potenziale dell'inconscio. In seguito, studieremo come avviene il processo di individuazione. Sondiamo il modo concreto in cui essendo prende forma in ognuno di noi. Jose Manuel Vazquez scrive.

dimensione personale

EQuesto processo di manifestazione distinguere due aspetti:

  1. L'aspetto sottile e soggettiva, personalità, contenuto mentale e la psiche dell'individuo.
  2. L'aspetto oggettivo e tangibile il corpo fisico, l'energia e gli organi dei sensi e l'azione (la dimensione materiale).

I tre seguenti punti approfondire l'aspetto sottile e soggettiva dell'individuo. Quando ci identifichiamo con essendo e qualità, osserviamo invece che gli aspetti che ci definiscono come individui sono transitori e sono soggetti a continui processi di cambiamento e trasformazione. "Selfness", la sensazione di appartenenza e di identità è ciò che dà continuità alle situazioni che sperimentiamo nel tempo e nello spazio. Questa identità si fonda su tre pilastri:

  1. Nostre convinzioni personali e culturali.
  2. I nostri allegati e respingimenti.
  3. Tendenze nel carattere.

Nella prima fase di questa fase, prendiamo coscienza da schemi mentali che definiscono la nostra visione del mondo. Sviluppiamo la nostra capacità di conoscere e capire i limiti della nostra comprensione come individui e come specie.

Nel secondo, diventiamo consapevoli di allegati o rifiuti che guidare o bloccano il flusso di energia nei nostri processi mentali. Guardiamo come emotiva problemi influenzano il nostro apprendimento, esperienze e aspettative.

Nel terzo, veniamo a conoscenza delle tendenze inconsce che lasciano il passato nelle nostre esperienze di memoria. L'inerzia di quello che abbiamo fatto, ci comportiamo allo stesso modo che ieri dicendo, Beh, la realtà delle nostre convinzioni.

Avete la possibilità di imparare a gestire in modo coerente le informazioni ha rivelate durante la meditazione. In genere, il mi sento insicuro per la domanda la realtà delle loro percezioni. È anche comune che mostrano la contraddizioni che ci sono ciò che pensiamo, ciò che sentiamo e cosa facciamo. Tutto questo è parte del processo, essere paziente.

Siamo arrivati a certe conclusioni perché riteniamo che in un certo modo. Pensiamo che in un certo modo secondo la mentalità che adottiamo. Credenze che lasciano questi schemi sono, in generale, inconsciamente ereditate dalla nostra cultura attraverso la famiglia e la società in cui viviamo. Dobbiamo imparare a gestire le contraddizioni che ci definiscono. Il vero lavoro di integrazione sono produce in questo piatto.

Terza fase: esplorare il sottile

Punti focali: l'inserimento tra la colonna vertebrale e il cranio, collo e gola, l'inserimento tra il collo e le spalle. Il suono dell'aria proiettata sul retro il palato verso la nuca del collo e del collo (ujayi) attenzione costante.

Se persistiamo nell'osservazione di sottili scoprire le credenze che abbiamo accettato come vero e proprio. Essi derivano gli schemi mentali che definiscono il nostro modo di vedere la realtà. Siamo in grado di esplorare diversi livelli di profondità, dove si trovano (inconscio collettivo, famiglia, personale e transpersonale).

Essa esprime verbalmente o per iscritto le informazioni che funziona in questo processo di osservazione, come è molto facile dimenticare di nuovo.

Quarta fase: staccato e rimanere neutrale

Punto focale: la cassa, gabbia toracica.

La prossima cosa è capire che il nostro modo di pensare è radicata in dipendenze e rifiuti che siamo stati esposti. Vedere come realtà di deformamos con il bias delle nostre carenze emotivi. Solo dall'osservazione disciplinato delle nostre emozioni, positivi e negativi, possiamo fare conoscenza della nostra irrazionalità.
Entrambi noi accettare gli aspetti che abbiamo rifiutare o idealizzare, come desidentificarnos di carenze e virtù è il modo di metterci al servizio della vera conoscenza.

Quinta fase: esplorare il nostro carattere

Punto focale: plesso solare, all'altezza della bocca della parte dello stomaco e a metà della schiena.

Esplorare rifiutato gli aspetti della nostra personalità e i conflitti interni che generano noi ci fornisce un'informazione privilegiata della nostra personalità. Se ci comportiamo in relazione alla mancanza, ci muoviamo dalla nostra essenza e noi collegato a situazioni dolorose. Se ci comportiamo in relazione alle quali siamo in grado di contribuire e imparare a gestire le difficoltà, quindi sviluppiamo il potenziale che tiene la nostra personalità

Alcune difficoltà di lavoro personale:

  • Se ci concentriamo solo sulla dimensione interna, abbiamo isolato noi stessi; Abbiamo sobredimensionaremos gli aspetti personali dei nostri processi e ci bloccano.
  • Tutte le battaglie e le contraddizioni interne saranno prodotta nel territorio del sé. Se si tenta di correggere i modelli individuati di condotta perché non rientrano nella nostra idea di "che cosa dovrebbero essere le cose" è un enorme dispendio di energia.
  • Auto-illusione. Giustificare le tendenze nocive attraverso la ragione.
  • Arroganza intellettuale e narcisismo. La necessità di ammirazione intellettuale e l'inerzia dell'inconscio negativo intelletto. Isolato in processi intellettuali. Confondere la mappa con il territorio.
  • Noi romanticamente collegamento ripetute situazioni che vanno contro il nostro sviluppo personale.
  • Fede cieca basata sui sentimenti.
  • Agire egoisticamente e sfruttare le nostre capacità a proprio beneficio. Abuso di potere con le conoscenze acquisite blocca il processo di apprendimento.
  • Circondarci di persone propizie allo sviluppo delle abilità e delle circostanze.

Alcuni vantaggi della dimensione personale:

  • Onestà nei nostri processi intellettuali.
  • Riuscire a mettere in discussione i processi di conoscenza e i suoi limiti.
  • Sviluppare un proprio criterio basato sulla propria riflessione e osservazione interna.
  • Abbiamo incapacitaremos noi di uscire nel mondo e capire altre realtà.
  • Riconciliare con i respinti aspetti della nostra personalità.
  • Recuperare l'energia bloccata in situazioni non di conseguenza.
  • Assumersi la responsabilità per i nostri pensieri e atti.
  • L'utilizzo di energia generosa. Mettere le nostre capacità al servizio della collettività.
  • Il rafforzamento della nostra personalità nella risoluzione creativa dei conflitti.
  • Riconoscere e utilizzare il potenziale di guarigione dei nostri pensieri e atti.
  • Circondarci di persone che incoraggiare la riflessione e lo sviluppo delle nostre capacità innate e circostanze.

Chi è

José Manuel Vázquez creato la sua scuola, Organici Yoga12 anni fa, dove insegna e lo dirige. È formatore di insegnanti di yoga. È Presidente della associazione Shiva-Shakti di Yoga integrale, insegnante certificata da Yoga Alliance e i praticanti di spagnolo associazione di Yoga (AEPY). Ha scritto il libro, Integrale di manuale di yoga occidentale (Alleanza).

Essere socievole, Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra RSS per non perderti nulla

Altri articoli su
Da • 6 novembre 2014 • sezione: Firme