Intervista con Arjuna: "Abbiamo bisogno di un Yoga creativo adattato a questo tempo e cultura"

Julián Peragón, Arjuna, uno degli studiosi più veterani dello Yoga nel paese, capisce che potrebbe essere molto fedele la secolare essenza dello Yoga senza la necessità di ancoraggio lui in un particolare metodo non rivestito è in insegne d'altri tempi e luoghi. Tutto questo e più si parla in questa intervista.

Arjuna ha iniziato il suo percorso di Yoga nel 1976. Dal 1981 si dedicò all'insegnamento, ma ha voluto completare la loro conoscenza e nel 1992 che si è laureato in antropologia cultura e sociale presso l'Università centrale di Barcellona. La conoscenza del simbolismo, consapevolezza del corpo, analisi del carattere, qi gong, psicologia transpersonale, religioni comparative, tra gli altri, consentono di migliorare la trasmissione di un yoga che sintetizza gli elementi di questa conoscenza.

Formare gli insegnanti nella scuola Sadhana dal 1994 e attualmente conduce la sintesi di Yoga della scuola di Barcellona. È direttore di coscienza senza rivista digitale di bordi e ideatore del progetto sintesi.

Spiegheresti l'essenza dello Yoga a coloro che si avvicinano per la prima volta ad esso?
Un modo per farlo è attraverso la metafora. Tradizionalmente viene utilizzata un'immagine agricola. Se vogliamo che i buoi tirare allo stesso tempo il camion e non andare ogni uno al suo fianco che dobbiamo mettere una squadra. Ricordiamoci che Yoga deriva dalla radice yuj che significa Unione, concentrazione, ma anche posto il giogo a due animali per tenerli. I tori devono essere legati al camion e portati da un cocchiere. È chiaro che se non esiste alcuna Unione e coordinamento difficile possiamo impostare noi in movimento. Nello Yoga si parla di Unione di corpo, mente e spirito.

Tuttavia, questa Unione di buoi (i sensi), carrello (corpo) e Coachman (mente) ha senso solo mentre ci accingiamo a iniziare un lungo viaggio. Questo sarebbe il significato complementare, l'idea di trascendenza, quel lungo viaggio che potremmo identificare con samadhi, vale a dire la possibilità di calmare la mente per rivelare la realtà. Non dimentichiamo che all'interno del camion andando il viaggiatore, che simboleggia l'essere noi tutti hanno dentro di noi e per godersi il paesaggio.

Ci sono in realtà così tanti significati che possiamo includere nel Yoga come sentieri scalare una montagna. Lo yoga può essere uno strumento per gestire lo stress e le tensioni del corpo ad una filosofia profonda che risponde alla sofferenza psicologica. È anche un trampolino di lancio per rendere più efficace la nostra azione, e a proposito, più compassionevole; e, come non, un'area di profonda contemplazione della vita in cui viviamo. Lo yoga è tutto questo e molto altro.

Che cosa fa Yoga che non dispongono di altri sistemi di armonizzazione di corpo/mente?
Lo yoga è sopravvissuto attraverso migliaia di anni, ha varcato i confini e che dovrebbe darci un enorme fiducia. E se lo ha fatto perché si adatta alle necessità di ogni persona nella vita di ogni età. Cerca un metodo rigoroso per gestire la loro salute, un quadro filosofico di comprendere se stesso e un'esperienza interiore di riconnettersi con ciò che lo circonda, dalla natura alla più sublime nella sua concezione di sacralità.

Molti moderni sistemi di integrazione di corpo e mente hanno bevuto dalla saggezza dello Yoga e sono adattati e raffinato alcuni elementi del tradizionale metodo di Yoga, spesso senza adeguato riconoscimento. Altri hanno criticato soprattutto nel lavoro sul corpo senza rendersi conto che mentre si estende il tuo corpo, Yoga mira a un calmante della mente e una mobilitazione di energia per annullare i nodi dei centri energetici ed è necessaria un'analisi più complessa.

È importante capire che lo Yoga può specializzarsi come una buona terapia per molti livelli, ma che suo nucleo è ben di là e mira a niente meno che la liberazione dell'individuo, una dissoluzione di ignoranza e un'intima connessione con la fonte dell'essere.

Non si tratta, pertanto, preferiscono un metodo a altro, ma per capire quali sono gli obiettivi desiderabili che siamo partiti con ciascuno di essi.

Che cosa circa la qualità dell'insegnamento dello Yoga in Spagna? Gli insegnanti vanno fuori, in generale, ben formate?
Con 36 anni nella prospettiva Yoga, sono consapevole che la formazione degli insegnanti di oggi è diventati forti e hanno guadagnato in qualità. Ci hanno già superato la fase di segnalazione e chiaro, ora ognuno ha un'idea reale di ciò che è lo Yoga. Tuttavia, c'è ancora una lunga strada da percorrere.

Una delle confusioni che sono state salvate è l'insegnamento adottato gran parte dei vestiti che ha portato la Yoga dell'India. Al giorno d'oggi non è necessario fare un profondo Yoga giocare elementi devozionali dell'Induismo. Lo Yoga che Patanjali è essenzialista e difficilmente menziona il divino, che è relegato ad uno spirito speciale, che può aiutare il praticante nel suo modo di preparazione mediante la fede come una forza motivazionale. Abbiamo bisogno di dirlo, un creativo Yoga che si inserisce il nostro tempo e cultura.

D'altra parte, a mio avviso, ha commesso l'errore di proporre un insegnamento Yoga come se si trattasse di un metodo particolare che ogni studente deve soddisfare nel modo più perfetto che conosce. Quindi abbiamo sul mercato decine di stili di Yoga, creando un po' di confusione nei praticanti, che per la prima volta chiedendo quello che lo Yoga è che dovrebbero fare.

Ho messo l'esempio di un'Accademia d'arte che costringere gli studenti a dipingere sempre con un certo stile, ad esempio dell'acquerello, sarebbe, ovviamente, molto limitante. Scuole di yoga dovrebbero avere un più ampio ruolo educativo. Tornando all'esempio dell'Accademia, sarebbe insegnare le tecniche di disegno, pittura o scultura per attivare quindi la sensibilità dell'artista futuro sua arte, il suo peculiare modo di esprimere una particolare visualizzazione.

Ad esempio, se io insegno meditazione all'interno della scuola di formazione non si intende rendere lo studente zen, vipassana o jnana; Devi semplicemente mostrare diversi media meditativa, che spaziano dal mudra, respirazione, visualizzazioni, e abbiamo parlato l'atteggiamento in meditazione come se abbiamo una gamma di possibilità, di apertura così dopo ogni praticante può rifare la vostra meditazione secondo la loro natura, bisogno e obiettivi. Credo che questo sia il ruolo di una scuola di formazione, aperto l'orizzonte di possibilità di essere in grado di dare una risposta più personalizzata.

Per quanto riguarda la dimensione più spirituale dello Yoga, pensi che in generale è ben insegnato agli studenti?
Con il tema spirituale si svolge che è diventato un argomento tabù spesso ci riporta a Christian Church alle nostre latitudini e che produce una miscela di esaurimento e di rifiuto. Il problema è non nella spiritualità e nel modo in che cui trattiamo esso. Infatti, non c'è alcun dubbio che tutti porti all'interno di un anelito di trascendenza e inserire questo argomento non è un problema insignificante ma estremamente necessario. Il problema è che noi dovremmo fare uno sforzo per reinterpretare lo spirituale in modo che esso non è collegato sul lato di una religione o un metodo particolare, ma in una concezione più universale possibile, all'interno di questa filosofia perenne hanno proclamato che gran parte dei saggi di tutti i tempi.

Questa saggezza viene a dire che collegare con qualcosa più grande di se stessi, è la natura o la sensazione di assoluto, è profondamente spirituale, e anche quando abbiamo cercato di dare un senso all'esperienza oltre le circostanze sono essere spirituale.

Per lo Yoga, il punto di partenza è la crisi esistenziale della persona quale parte della ignoranza e anela a nascere la luce della coscienza. Per fare questo che devi soffrire un risultato a sorpresa nel cuore per capire che il mondo esterno, limitato e caotico, non può dare risposta è che è illimitato e si prevede di vivere in pace.

Mi piace mostrare il campo spirituale nella scuola attraverso le metafore dell'essere. Se parli che siamo un seme di germinare, una goccia di rugiada che si è dissolto nell'atmosfera, una barca che ha per raggiungere l'altro lato o l'incondizionalità della bellezza di un fiore, penso che tutti possono capire. Infine la cosa importante da fare è creare un ambiente attendibile per stabilire una comunicazione profonda.

Dal vivo oggi ci impone di essere molto attaccato al terreno difficile. Come può aiutarci Yoga il giorno per giorno?
Vorrei difendere un Yoga avendo tutta la sua umanità e che non guardare quei miraggi di un antico Yoga di anacoreti saggi con poteri straordinari. Anche mal condotto lo Yoga può essere una via di fuga da una realtà che non vogliamo vedere. Yoga reale, potremmo dire, è la nostra vita reale, il get fino alle sette per andare a lavoro e dover strofinare i piatti dopo di noi il cibo.

La pratica dello Yoga ci aiuta molto a capire il nostro atteggiamento verso le difficoltà. Sulla stuoia di difficoltà può essere chiamato, ad esempio, per ottenere l'investimento attraverso Sarvangasana, ma nella vita reale la difficoltà viene chiamata complessità, di mancanza, di stress o di solitudine. Trattare con i nemici esterni è come gestire le nostre resistenze interne; la mente è presentata come un avversario e Yoga ci dice che si può diventare il vostro migliore alleato. Per fare questo devi capirlo e si deve fermare agitazione che impedisce di stare nella calma del vostro sé interiore.

Il metodo è semplice: pratica regolare, studiare in proprio e abbandonare qualcosa di più grande che ci aprono il cuore. Il resto viene dato in più, non deve aggiungere più sforzo. È lo Yoga.

http://www.yogasintesis.com/

Essere socievole, Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra RSS per non perderti nulla

Altri articoli su , , ,
Da • 26 novembre 2012 • sezione: Intervista, Formazione degli insegnanti