Il sistema Fascia: il network che ti connette

La fascia è il tessuto che, come una rete, avvolto il resto dei tessuti del nostro corpo (ossa, muscoli e organi) e li lega insieme. Il sistema Fascia copre una vasta distesa dell'organismo, la compattazione, plasmandola, compartimenti stagni e stabilizzazione e che tiene tutti gli organi. Scrivere o Aleluiya e Alex Monastero.

Questo sistema è formato da spessore del tessuto biancastro e grado di densità, la forza e la flessibilità dipendono dalla sua posizione e requisiti meccanici della zona.

Le fasce sono pieni di recettori sensoriali (sensori biologici) sono collegate ciascuna ad un nervo. La sua funzione è di informare il sistema nervoso centrale, tra le altre cose, delle sollecitazioni meccaniche con esperienza dal tessuto e, per estensione, il corpo. È il più grande sistema sensoriale del corpo, davanti la pelle.

Inoltre, il sistema fascia è il tessuto del corpo difensivo principale, Dal dentro di lei attraverso il fluido di cosiddetta 'sostanza fondamentale', passare i linfociti (globuli bianchi) per andare di là dove è necessario mantenere i batteri e virus. Se all'esterno, il complesso sistema Fascia svolge un ruolo importante nella meccanica del corpo e responde a los influjos emocionales.

De hecho, tenemos una sola fascia, que envuelve todos los órganos y estructuras internas del cuerpo.

El estómago, el hígado, los riñones, los vasos sanguíneos, los músculos… tienen su propia funda fascial. Más allá de mantener la estructura de los órganos, estas fundas fasciales se expanden en diferentes direcciones para anclarlos tanto al sistema óseo como a los órganos y estructuras adyacentes.

Esa misma fascia envuelve los huesos (periostio), en cuyos extremos se densifica formando los ligamentos. Alcuni autori (Serge Paoletti) considerato anche osso come un'estrema specializzazione della fascia, in cui il suo tessuto ha incorporato osteocytes e minerali per aumentare la durezza e la densità. Midollo spinale la fascia è letteralmente rivestimento esso, mantenere coesive vertebre e dando, al contempo, flessibilità per eseguire movimenti quotidiani. Dalla spina dorsale, continua ad espandersi per formare le meningi, cioè il tessuto specializzato fascial che copre e protegge il sistema nervoso centrale (cervello, cervelletto e midollo spinale).

Funzioni vitali

Se mostrato come questo tessuto, resistente e flessibile, copre e collega gli altri tessuti del corpo si capisce l'importanza di mantenerlo en óptimas condiciones.

Además, entre las fibras de colágeno y elastina del tejido fascial fluye la antes mencionada matriz o sustancia fundamental, un fluido acuoso por el que circulan los linfocitos, macrófagos (ambas células defensivas) y fibroblastos (células reparadoras del tejido), y también los nutrientes que alimentan las células y que provienen de los vasos sanguíneos. Además, a través de este fluido, transitan las toxinas derivadas de la actividad celular de los órganos para ser evacuadas por el sistema linfático. Por ello es importante mantener el tejido fascial bien hidratado y elástico.

Las fascias necesitan algunas condiciones mínimas para poder realizar su función de la mejor manera.

L'influenza dello stress nella posizione

È noto che una de las zonas en las que se somatiza el estrés es el vientre. ¿Quién no ha sentido presión e incomodidad en la boca del estómago ante una situación angustiante, triste o amenazadora? Se producen múltiples reacciones físicas ante el estrés, por ejemplo un aumento de tono de los esfínteres del tracto intestinal, como el píloro (la válvula que hay al final del estómago), o de los músculos intestinales que desplazan el bolo fecal.

Estas tensiones que se suelen experimentar en el abdomen (y, por cierto, un buen número de ellas pasan desapercibidas) inciden en la estructura esquelética y la condicionan: se da una tracción descendente que se transmite de los órganos intrabdominales al diafragma, de este al pericardio y de ahí a las vértebras torácicas y cervicales a través de las cadenas viscerofasciales. El resultado es una tensioni interne que induce a adoptar una postura hipercifótica (espalda encorvada). Por otra parte, la psicoterapia y el trabajo espiritual pueden ayudar a transformar la manera en que nos relacionamos con el estrés. Reconocer las fuentes que nos llevan a él resulta fundamental para mejorar tanto la actitud mental ante la vida como la postura física.

Las fascias «empaquetan» los músculos y los conectan entre sí estableciendo, literalmente, líneas o franjas tensionales que sirven para mantener el cuerpo en una postura determinada u optimizar la función durante el movimiento, por lo que la postura diaria afecta a estas líneas de tensión.

Un esguince mal curado puede provocar disfunciones en la rodilla, la cadera o la columna.

Catene miofasciali

Los músculos suelen trabajar agrupados en cadenas miofasciales (Mio significa «músculo») a fin de mantener el cuerpo erguido. Cuando el cuerpo está mal alineado y una cadena trabaja más de lo que le corresponde, se tensa y acorta, lo que incide en las cadenas con las que se relaciona.

Por otro lado, hay procesos patológicos que pueden alterar fácilmente la biomecánica del organismo y extenderse a través de las cadenas miofasciales.

Por ejemplo, un esguince mal curado puede provocar disfunciones mecánicas en la rodilla, la cadera e incluso la columna vertebral. O una cicatriz puede desencadenar una tensión que traccione las estructuras adyacentes, como ocurre al pinzar una tela de araña: si se sujeta uno de sus extremos todo el sistema se deforma.

È importante avere un fisioterapista, osteopata o esperto in Mézis, RPG o metodo Rolfing per trovare quelli nuclei di tensione e ridurre il loro condizionamento meccanico. L'obiettivo è che il corpo possa esprimersi fisicamente liberamente.

È anche essenziale per la rieducazione posturale nella vita di tutti i giorni (davanti al computer, in macchina, sul divano, a piedi, ecc.) ed esercitare regolarmente. I muscoli tendono ad accorciarsi e contrarsi; allungandoli regolarmente si riesce a mantenere libera la miofasciale libera.

Modelli posturali inadeguati, stress prolungato, intolleranze alimentari e alcune cicatrici possono indurire e disidratare il tessuto fasciale.

Questo riduce la sua capacità sia di fornire sostanze nutritive alle cellule nella zona interessata e di evacuare i metaboliti (tossine) di queste stesse cellule. La densificazione riduce la flessibilità e la gamma di movimento articolare.

Alcuni principi

Tratti tradizionali hanno un impatto l'easlascialificazione del sistema miofasciale. Tuttavia, alcune regioni fasciali, come le fasciavisceri o la superficie corporea, possono essere allungate in modo più efficace.

Sul corpo superficie è utile per la trazione della pelle, fermo ma morbido, realizzato con i palmi delle mani. Può anche aiutare respirazione (con apnea di 3-5 secondi alla fine del tempo di respirazione). In alcuni casi è più interessante sottolineare l'inalazione (per la regione anteriore e posteriore del tronco) e in altri, l'espirazione (regione anteriore e laterale del collo).

  • Un esercizio di estensione della colonna mantenuto combinato con espirazione e apnea migliora l'elasticità delle fasce viscerali addominali.
  • Inalazione e apnea migliorano l'elasticità delle fasce viscerali intheraciche.

La chiave non è tanto l'intensità quanto mantenere il tratto per un minuto o più. Se il tessuto miofasciale è forzato, tende a mantenere la sua rigidità per proteggersi da possibili lesioni, rendendo più difficile da estendere.

Se vuoi sapere come affrontare un mal di testa, una spalla e un ginocchio in modo sicuro, nel fine settimana 11-12 novembre celebriamo il corso "Sistema Myofasciale". Questa è l'ultima volta che lo faremo a Barcellona per qualche anno!

Approfondiremo la conoscenza di tre tecniche utili in questi e in molti altri casi e tutti con la metodologia speciale di –FisiomYoga – che unisce lo yoga con la fisioterapia e la teasopatia:

  1. Punti di innesco miofasciali.
  2. Miofasciale si allunga.
  3. Tratti neuromuscolari.

Tutte e tre le tecniche sono di grande rilevanza per molte patologie e lesioni.

L'occasione per arricchire il tronco di strumenti per gli insegnanti di yoga e healthcare professionisti

Ci sono pochi posti rimasti! Prenota il tuo qui:
http://yoga-terapeutico.com/sistema-miofascial-barcelona/

Il corso faccia a faccia include anche materiale didattico online!

Monastero di Alex e o Haleluiya

Monastero di Alex è fisioterapista, ostopata e posturologo con vasta esperienza nell'insegnamento e nella cura del campo. È stato professore presso l'Università Ramon Llull di Barcellona di fisioterapia durante più di un decennio e ha lavorato nell'ospedale Sant Pau quei cinque anni come terapista (a parte di avere vostra consultazione privata da fa 20 anni dove vede casi di tutti i tipi). È l'autore del libro Colonna vertebrale sana (tradotto anche in russo).

Quasi 20 anni ha insegnato anatomia, fisiologia e patologia per insegnanti di yoga, deve essere uno della prima in Spagna e senza dubbio ha molto da offrire quando si tratta di insegnare più di 40 processi patologici studiato nella formazione congiuntamente con o, e come trattare con loro, tutti loro con la terapia attraverso il movimento.

O Haleluiya è professore di Yoga, acupuntora, master in psicologia (UAB). Presidente della terapia spagnolo associazione di Yoga. O ha cominciato la sua pratica a 22 anni nel metodo Iyengar intensivamente per sette anni, viaggiando molto per studiare con insegnanti conosciuti in tutto il mondo in questo metodo. Ha certificato in Anusara yoga, restorative Yoga e Yoga terapeutico. O ha fatto un paio di corsi di dissezione umana nelle università a Londra e la Scozia. È scrittore regolare di articoli in diverse riviste internazionali.

Loro classi di o sono eccezionali dai loro padroni per affinare la pratica dello yoga secondo le competenze e le esigenze biomeccaniche del loro popolo. Ha anche un'originale capacità di raccontare storie della mitologia indiana relazionati con il biomeccanico studiato nelle loro classi che si muovono e connetterti con il cuore.

Altri articoli su ,
Da • 2 novembre 2017 • sezione: Salute, Yoga terapeutico