Santosha, via della pace

Santosha è uno stato di comunione con il qui e ora, serenità di mente e di azione altruistica. Anche se la parola Santo deriva dalla parola indoeuropea "sak", che si riferisce al "sacro", il termine Santosha indica la via della santità. Così come un modo intelligente per vivere. Carmen vecchia scrive.

Santosha

Santosha Si è registrato in Niyama, attitudini personali prima la pratica dello yoga, tra le altre quattro importanti raccomandazioni. Di per sé, È un'aspirazione che conduce al "buon vivere", una vita piena e senza contraddizione.

Lontano le dimissioni della vana e l'indolenza dei deboli, Santosha si pone come una qualità per mente forte, puri e intelligente.

Possiamo garantire che il Santo sia sempre felice. Da ignoranza, bobería, comfort o indifferenza? Sul contrario, saggezza, chiarezza, disciplina e solidale fraternità.

Il praticante di Santosha deve sapere che il percorso del tempo rara anima coincide con il modo "terreno". Pertanto, qualunque cosa accada, egli genera l'evento, l'evento che la vita ti dà, come una forma di iniziazione nella sua anima, come un'azione purificante e uno opportunità di miglioramento, e in somma, come qualcosa di inegoista, che si svolge non da lui o per lui e che pertanto si astiene dal giudicare. E cerca di ripristinare la sua vita con quell'evento nello stesso grado di comunione con il qui ed ora, serenità di mente e di azione altruisticache cercò nei suoi momenti di calma spirituale.

Santosha richiede comprensione e serenità:

Discernere È in grado di distinguere che cosa (eterna e immutabile) è ciò che non è (cambiando ed effimeri).

Equanimità: senza processo, senza opposizione, senza categorica tra ragionamento "bene e del male". Senza desiderio o rifiuto.

Di conseguenza, Santosha non può permettersi di decisione o sfogo, ma è il risultato o il conquista della pratica costante e paziente.

Infatti, la pratica yogica trasporta, come definito da Patanjali, diminuire le fluttuazioni mentali. Quando questi vengono sospesi, abbiamo esperienza diretta della nostra natura interiore.

Possiamo dire che dopo una sessione, sperimentiamo uno stato momentaneo di santosha, di comunione con il qui e ora, interno gioia, serenità. In questa quiete mentale, non c'è alcun desiderio o rifiuto. Senza desiderio o rifiuto, non c'è paura. Allora la mente è alla fine sospesa la Klesha o le cause della sofferenza. È uno stato di pace.

Ogni giorno di pratica, ogni anno, ogni secondo o ogni vita, sarà essere rafforzare in noi uno mente stabile, una psiche purificata e un'energia interna capace di rendere duraturo stato.

Vale la pena di allenarsi. E per gli Yogi, nostra stuoia e il nostro cuscino da meditazione Benvenuti il tempio dove ci dedichiamo a Santosha. Quindi, possiamo guardare il mondo con quelle tipo e occhi sereni della Santa. Non prudente, non vacuo o indolente, ma saggia, forte e intelligente.

Carmen vecchiaErede di vecchio Carmen (Ahimsa) È un insegnante di Yoga, una laurea in Scienze dell'informazione e diritto di Yoga Vedanta Academy (scuola di Sivananda) e dall'associazione spagnola dei praticanti di Yoga (AEPY).

Workshops e ritiri in Granada. Info: 620549192 T ahimsayogandalucia@Yahoo.es

Associazione per la nonviolenza e lo sviluppo armonioso dell'essere umano "Ahimsa superiore Andalusia"

Prossimi incontri a Granada "Yoga e valori umani":

Workshop intensivo di un giorno: sabato, 23 maggio e 13 giugno, Viznar (35 €/ workshop).

Rimozione di tre o cinque giorni: dal 29 luglio al 3 agosto, in valore (45 €/ giorno).

Soggiorni di estate: dal 9 al 23 agosto, La Loma Gualchos (35 €al giorno).

Altri articoli su ,
Da • 21 maggio 2015 • sezione: Firme, Generale