Niyama: Santosha (soddisfazione)

Dicono che nella vita ci sono tre peccati base: voler essere più di ciò che sono, vogliono essere di meno e non vuole essere. E infatti applichiamo questi tre peccati regolarmente alle nostre circostanze. Non si accettano le circostanze perché sembrano troppo, o troppo poco. Siamo coinvolti nell'attaccamento, avversione o indifferenza. Scrive: Julian Peragón Arjuna.

Risata

Tuttavia, la situazione che si verifica in questo momento è che è, indipendentemente dal fatto o meno come. Questa situazione è il risultato di eventuali sviluppi, ed è vero che vorremmo che fosse meglio, sarà più probabile, ma è anche vero, come comprende il saggio, che non poteva essere altrimenti. È perfetto in sé, senza l'eccesso o la mancanza di nulla.

Non si può combattere con l'età che avete, con tale altezza, con essendo nato maschio o femmina, in questo secolo, all'interno di una famiglia, hanno la pelle chiara o scura. Sono le lettere che abbiamo ricevuto e giocato con loro. Le circostanze sono in realtà neutrale e noi, con la cultura che abbiamo introyectada, che noi diamo un senso o in altro.

Ogni circostanza è un'opportunità di crescita. Ed è curioso di scoprire come una "buona" situazione (ad esempio vuoi sposare qualcuno che è una buona partita) può diventare un 'cattivo' (tensione e isolamento), o viceversa. È interessante vedere la vita come una grande ruota rotante e tour dove nulla rimane al suo posto. Cattiva gestione del successo sociale può diventare un dramma personale, un licenziamento può dar luogo a scoprire nuovi orizzonti di business. Catturato e spesso in questa ruota della vita non realizziamo Mirage che si trova dietro ogni situazione.

Di solito siamo a disagio perché siamo convinti che siamo gli architetti delle circostanze. E noi stiamo effettivamente portati da loro. Va bene chiedere a te stesso in ogni situazione quello che decide per noi, quale aspetto è che preferisce l'equilibrio. Solo una relativizzazione di questa ruota illusoria apre la porta della serenità perché ci porta al nostro centro. Siamo noi che ti garantiamo vero valore a quello che viviamo. Che è la nostra grande libertà.

Al momento, l'unica realtà

Ha detto qualcuno che è lì che lasciare che il pessimismo di tempi migliori. In questo momento essere pensare a tutto quello che ho bisogno, guardando con sospetto il prossimo, proiettando promettente futuro sta perdendo il grande tesoro di vivere pienamente in questo momento. Abbiamo tendono a non essere rassicurati al posto nostro. Quando è estate desidera il freddo dell'inverno, quando l'inverno il calore dell'estate. Famosi che avrebbero pagato da persone inosservate e anonime che ucciderebbero per essere famoso. Vita, desiderano fare un viaggio fino agli estremi confini del mondo, e quando siamo lì abbiamo a lungo per il comfort della nostra casa. Nei rapporti spesso possono applicare lo slogan "né con te né senza di te". In questo modo che fuggiamo dalla nostra realtà, che è l'unico che abbiamo al momento.

È necessario sentirsi a proprio agio con quello che abbiamo e ciò che non abbiamo. Non siamo in alti, non siamo ricchi, non siamo giovani, ma non importa. Santosha È la capacità di accontentarsi di quello che c'è. Essere, come dire, il duro e maturo, direi. Questa soddisfazione si manifesta nell'apprendimento sia con quello che è, godere di ciò che facciamo, riconoscere il valore di ogni gesto, ogni dettaglio. Da non perdere, per quanto possibile, l'equanimità che prende in considerazione la bilancia a due piatti. Celebrare la vita fornisce il giusto e necessario per tenere la nostra anima, anche se, certamente, è non possibile riempire mai le aspettative di un ego immaturo.

Questa accettazione del momento è una gioia profonda. Accettazione del risultato in entrambi i casi. L'unica cosa che possiamo provare è quello di essere impeccabile in ogni azione; il resto, il risultato, appartiene ad un termine devozionale, Dio.

Arjuna (Foto: Guirostudio 2013)Chi è

Julián Peragón, Arjuna, formador degli insegnanti, dirige la sintesi di Yoga scuola a Barcellona

http://www.yogasintesis.com

Altri articoli su , ,
Da • 3 maggio 2013 • sezione: Yama e niyama