Arcano nr. 22: Dvi fino a Bhujasana, il tizio

Lo stolto è colui che non ha ancora lasciato inconscio paradiso; o uno che dopo aver lasciato lui, dopo aver fatto la strada, maturare e acquisire saggezza, restituisce all'ingegnosità del principio, quella bontà iniziale, non dall'ignoranza, ma di saggezza. Ancora cosciente paradiso. Scrivere questa serie Carmen Viejo proprio oggi.

Parola chiave: ingenuità

"Tutti sembra occupato, solo rimangono inattive e sognante." Io sono diverso dagli altri. Per me la cosa più importante è essere nutrita dalla grande madre." (Tao te Ching)

L'arcano della Loco non numero. 0, come il ritorno al primordiale innocenza, può rappresentare l'origine. Ingenuo, Latino ingenuoetimologico si riferisce a colui che era nato nel posto stesso e rimangono nobile. Che cosa si adatterebbe bene con il numero 0. Lo stolto è colui che non ha ancora lasciato inconscio paradiso; o uno che dopo aver lasciato lui, dopo aver fatto la strada, maturare e acquisire saggezza, restituisce all'ingegnosità del principio, quella bontà iniziale, non per ignoranza, come il primo loco, ma di saggezza. Ancora cosciente paradiso.

Quando ciò non avviene, Loco diventa numero 22 del Tarocco e apre la strada per gli arcani minori, che da 23 e attraverso quattro bastoni o elementi (bastos, coppe, spade e oro), uniscono l'andante in molteplici esperienze della fenomenologia. Lì, Walker, come una vita vagabond, ora soffre prega egli gioisce, cade e trionfa, su e giù e si lascia trasportare dalle circostanze di vita come se quelle esperienze erano solo inconscio reale, cosa della sua natura essenziale. Pazzi sono tutti svegliarsi per la procedura guidata o iniziato.

D'altra parte, il saggio, raggiunto il numero 0, resti nel mondo senza essere di esso. Vite stesse circostanze rispetto ad altri, ma in fondo lui sa sono un tio-vivo "cavallucci marini", come dice la canzone di Jonh Lennon Guardando le ruote, Chi può vedere spin senza ottenere ad esso.

Sorprendentemente, il saggio rappresentato dal numero 0 per la sua vicinanza all'origine, è visto dall'esterno come un matto, mentre 22 Loco è visto come un uomo tormentato e pertanto ben adattato e coinvolti nel mondo.

Si dice il Tao Te Ching:

"Ognuno vive in abbondanza, solo mi sembra necessaria. Sono così confuso come il di cuore matto. Gente comune sono luminosa. Solo mi sembra ottuso. Gente comune hanno le idee chiare. Io sono proprio come egocentrico. Imprevedibile, come il mare. Senza meta, come il vento".

Corrispondenza con le asana

Il Karana del tiro È un esercizio che allena la mobilità della colonna vertebrale e del bacino, guadagnando la flessibilità e la libertà per il corpo. Seduti e con le ginocchia in posizione fetale, mento vicino allo sterno, tiro avanti e indietro, senza togliere le gambe, mantenendo la forma circolare dello zero, inizio e fine.

Anantasana emana energia verso l'esterno, svegliarsi che cosa è addormentato, facendoci partecipi dell'energia cosmica. Ananta è quel serpente cosmico infinito da cui scaturisce la vibrazione vitale. Asana è costruito disteso lateralmente sul terreno, sollevando la gamba alla verticale con il lato di apertura dell'anca e tenendo il dito del piede con la mano. La mano di altro braccio che è a contatto con il terreno può rimanere tenendo la testa o ascendere per unirsi al gomito del braccio.

Utthita Eka Pada salamba Esso è in equilibrio su una gamba sola, mentre l'altro è piegato, curvare all'anca, fino a quando il ginocchio è dietro l'ascella. Poi la mano prende l'arco del piede dall'esterno. L'altro braccio può circondare la vita da dietro e prendendo la coscia della gamba flessa. Nella sua posizione finale, che è difficilmente accettabile, quel piede potrebbe essere dietro la testa, da qui il nome in sanscrito. Questa posizione di "Equilibrio con il piede dietro la testa" crea uno stato di innocenza, ingenuità, di purezza primordiale, dove inizio e alla fine si incontrano.

Infine, DVI-Bhujasana Si tratta di un divertente, fresco, postura con meno difficoltà di quanto appaia, purché non vi sia sufficiente flessibilità nell'anca. Potete accedervi ducking noi a mani sul pavimento con le gambe che riposa sulle braccia e cercare il sollevamento dei fianchi e le gambe in equilibrio. O dalla posizione seduta, ponendo le mani nel terreno, con abbracci tenendo le ginocchia e andare avanti a elevarci.

La concentrazione che si sviluppano queste posizioni è uno stato naturale, lucido e facile che conduce alla meditazione sulla vita, giorno per giorno, senza solennità, senza evasioni di realtà o di rifiuto o di negazione. Infine, l'iniziato può dire sì alla vita e in essa trovano il loro paradiso.

Nota: DeKarana di studio e gli effetti del tiro, Anantasana, Utthita Eka Pada SALAMBA e Dui a Bhujasana, alle pagine 19, 151, 317 e 289 di Yoga. Allargamento, Manuel Morata.

Erede di vecchio Carmen (Ahimsa) Insegnante di yoga, una laurea in Scienze dell'informazione e il diritto di Yoga Vedanta Academy (scuola di Sivananda) e dall'associazione spagnola dei praticanti di Yoga (scuola Manuel Morata).

Classi a Granada, Centro Presentia.

Informazioni: ahimsayogandalucia@Yahoo.es


Essere socievole, Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra RSS per non perderti nulla

Altri articoli su ,
Da • Set 18, 2017 • sezione: Carmen vecchia