Intervista Victor Mulberry: "yoga terapeutico ci rende consapevoli delle tensioni"

Yoga terapeutico non tratta il sintomo o intende rilasciare un dolore attraverso una determinata posizione, ma va alla radice di quel dolore, la causa per la quale è manifestato disarmonia là. Ed è, in una pratica quotidiana di 20 minuti, armonizzare tale armonia per ristabilire la salute. Aranzazu Corrales ne parla con Victor Morera.

Victor Morera, yogaterapeutas-ex scuola di 16 anni Pranamanas Yoga, È stato il pioniere nell'inizio Yogaterapia formazioni in Spagna. Formazione in osteopatia con insegnanti e scuole provenienti da vari paesi, così come in altre tecniche di terapia manuale. Profesor-formador di yoga Sadhana scuola di formazione insegnanti, dal 1996 al 2012. Ideatore e fondatore della formazione di Yogaterapia durante l'anno 2000. Nello stesso anno ha iniziato gli studi in Sintergetica (sintesi di farmaci differenti di energia), che approfondisce la medicina manuale. Attualmente ancora collegato e loro applicazioni pratiche nel campo della salute ricerca. Nel 2008 ha iniziato gli studi nelle mani con formazione di Jorge Carvajal, che è parte integrante del team di insegnamento. Nel 2009 ha fondato la scuola di Pranamanas Yoga, insieme a Grazia Suffriti. Creatore del metodo "movimento organico cosciente (MOC)", un sistema di guarigione attraverso il movimento della coscienza. Autore del libro: basi posturali in Hatha Yoga

Che cosa è yoga terapeutico?
Lo yoga terapeutico è una singola relazione. Originariamente, lo yoga è nato in un rapporto dell'insegnante. C'è una dichiarazione che dice che lo yoga si adatta allo studente, non lo studente allo yoga. In questo senso, yoga terapeutico si adatta allo studente. Le caratteristiche di ogni studente sono uniche per quanto riguarda età, lavoro, condizioni fisiche, obiettivi e bisogni specifici. Yoga terapeutico tiene conto e progetta la pratica più appropriata per quella persona in particolare, per soddisfare i vostri obiettivi.

Come dimostra che il rapporto docente-studente?
Cura è individualizzata. Cioè, chi insegna ha tempo per osservare e conoscere lo studente e dirvi di compiere movimenti in un certo modo. Quando si parla di āsana, prāṇāyāma o eventuali possibili strumenti di Yoga, la chiave risiede non tanto in ciò che viene fatto, ma come è fatta.

Una persona può essere una posizione o una proposta di controllo del respiro molto correttamente, ma può fare gesti inconsci che creeranno tensione. A questo proposito, il yogaterapeuta è che ti aiuta a essere consapevoli di queste tensioni e facilita e insegna a non forzare per stringere. Ti dice i punti per regolare o staffe che possono essere utilizzati per fare il tipo di respirazione e posturasvolgere il ruolo che e non cerca di entrambi una forma esterna.

Che cosa può essere trattata con yoga terapeutico?
La prima domanda non è ciò che può essere, perché non concepiamo la malattia isolata. In primo luogo, il yogaterapeuta si concentra sulla persona. In secondo luogo, lo yoga si concentra sulla salute, non sulla lotta contro la malattia. In terzo luogo, c'è la visione che ha yoga umano e, di conseguenza, anche della malattia, ha il suo specifico contesto.

E, quel che contesto?
L'essere umano è costituito da un corpo fisico, un corpo energico, un corpo mentale, corpo spirituale e vita immersi in un ambiente familiare, sociale, culturale e ambientale. Tutto questo è l'essere umano. Pertanto, quando succede qualcosa di una persona, che noi chiamiamo malattia, sta accadendo - in qualche modo - a tutti i loro costituenti. Per trattare qualcosa di fisico, deve essere l'aspetto di energia. Per ovviare l'energia, dobbiamo capire come funziona l'energia umana: capire come circola il prāṇa nel corpo, comprendere l'influenza che ha il gesto in relazione a noi stessi, con la nostra psiche e nel contesto che si manifesta.

Il concetto di salute, di conseguenza, è diverso da quello che siamo abituati...
Esattamente. Cosa porta questa visione olistica dell'essere umano è che quando c'è una mancata corrispondenza - che noi chiamiamo malattia- in realtà non ci può essere un problema di circolazione di energia, un problema di salute mentale o anche una coscienza o spirituale. Lo yoga è compreso solo attraverso lo yoga.

L'arte che abbiamo sviluppato - e quindi il rapporto tra il yogaterapeuta e lo studente è importante - è il campo di osservazione, incontrare lo studente per individuare dove si verifica la maggiore attrito, cosa ostacola il processo di recupero della salute. Impariamo a osservare e ascoltare, processo di base per tutti gli insegnanti di yoga e, soprattutto, un yogaterapeuta. L'arte dell'osservazione è l'arte di riverbero interno a altro, a altro per il vostro interno e il vostro interiore.

E, quali conclusioni sono stati estratti i yogaterapeutas guardando da questa concezione dell'essere umano?
Che cosa attualmente inadeguate abitudini producono gran parte dei nostri problemi di salute. La pratica dello yoga non lotta contro la malattia, ma che ricerca generato i cambiamenti nelle abitudini della gente. Voglio dire fornisce la consapevolezza. Le conseguenze di queste abitudini inadeguate sono ridotti, perché pratica servono a percepire i risultati nel vostro corpo quando la mente inizia a concentrarsi, quando la respirazione inizia ad espandersi, quando tu smetti di ogni giorno un tempo per concentrarsi su se stessi e dire che vuoi e che si accettano quando si vive. Cioè, sta facendo piccoli cambiamenti nella vita di una persona che, nel lungo periodo, con ripetizione, generare grandi cambiamenti.

E così essi guarire malattie, dolore o fastidio?
Sì. Yoga terapeutico non è in procinto di attaccare la malattia. È non trovare posizioni che rilasciano un lombo dolore, ad esempio. Piuttosto che concentrarsi esclusivamente sulla manifestazione del sintomo, potenza la salute della persona che avvia un processo di guarigione, fornendoti strumenti così capisci che mal di schiena non è separato da tutta la sua esistenza di modellatura. Se vogliamo rilasciare dolore lombo-sacrale, mostreremo che quella persona come danni. Perché il dolore alla schiena non è più di una strategia che avverte che c'è qualcosa nel corpo che non è in armonia. Sullo sfondo, cqualsiasi pratica di yoga che si cerca è quello di produrre armonia, armonia tra ciò che pensiamo, sentiamo e fare.

Quali sono i risultati clinici delle pratiche che proponete?
Ho molti anni di esercizio di consultazione di osteopatia, sintergetica e altre terapie, ma la yogaterapia aggiunge il componente di formazione in materia di salute, educare l'autogestione della salute e che, nel corso del tempo, è ciò che mantiene la maggior parte delle persone benessere. A questo proposito, la yogaterapia e yoga ridurre dipendenza globale all'esterno senza escluderlo.

Ci sono molti studi sugli effetti sulla salute delle pratiche per ottenere la calma la mente, hanno un cuore amorevole, la coerenza cardiaca, aumentare la flessibilità e ridurre lo stress nel corpo, migliora la vitalità del corpo attraverso il respiro. Lo yoga ottiene tutti quegli effetti, che conducono alla salute generale.

E, perché la yogaterapia è così radicalmente la guarigione?
Perché ha qualcosa di unico e potente: l'atteggiamento della persona che va alla yogaterapeuta è il desiderio di fare qualcosa per la vostra salute. La persona che va a una query di osteopatia, fisioterapia o qualsiasi altra tecnica, sta per essere paziente, passivamente ricevere qualcosa da fuori. Yogaterapia che la persona partecipa attivamente alla loro salute, è agente della salute. Quello che vuole è che noi insegniamo una pratica per migliorare la vostra salute. È un cambiamento di paradigma: è la gente che dicono: "Insegnami a scoprire perche ' fa male, per cominciare a cambiare".

Ma può essere che, nonostante questo, non risolvere tutte le malattie. Dobbiamo presumere che ci sono persone che potrebbero essere profondamente malate senza sintomi e ci sono persone che possono essere profondamente sane con i sintomi. Perché se consideriamo che la salute è l'assenza di sintomi, mettiamo gli antidolorifici come re del processo di salute. Come non fa male niente, tutto funziona molto bene ed è sano.

Riappare ancora una volta, un concetto più pieno di salute...
Sì. Ed è la base dell'efficacia dei risultati. Lo yoga concepito salute da un altro posto. Cerca quello che lo yoga è che possiamo vedere cosa succede a noi con alcuni equanimità calma e determinate, che ciò che ci accade è importante per noi. Hurt può farci del male, ma evitiamo di sofferenza.

Gli effetti clinici, di conseguenza, non sono misurati secondo il dolore che eliminare o ridurre, ma con l'esercizio di abitudini sane che generano un sano stile di vita, che ha i suoi effetti su molteplici parametri di salute (qualità del sonno, digestione, evacuazione, vita sessuale, rapporti, abitudini, attività e riposo, ecc.).

Che cosa viene chiesto il consulente in un processo di yogaterapia?
Per rendere efficiente il processo, si consiglia una proposta di compromesso di quattro-sessione. Il primo è quello di conoscere la persona e sviluppare la pratica. La seconda - dopo pochi giorni, abbastanza a lungo per la persona ha imparato la sua pratica - vediamo come pratica, che è essenziale. Pensi di che avere capito, vedi disegni che abbiamo progettato per voi, si può anche avere una pratica di audio, ma è possibile che si stanno facendo in modo diverso da quello che volevamo.

Dopo aver impostato la pratica, vi proponiamo una terza sessione a quindici giorni. Sono quindici giorni di impegno alla sua pratica. Questa sessione ci dice che cosa ha sentito. In questa sessione che possiamo regolare, affinare e chiarire. A volte piccoli cambiamenti sono stati introdotti, a volte elabora più su un aspetto. A volte osserviamo qualcosa e concentrarsi su quello che abbiamo osservato in quel momento. Perché Si tratta di un processo di vivere fuori le persone prima di noi.

La quarta sessione è entro un mese. Cioè, in due mesi, abbiamo visto quattro o cinque volte la persona che frequenta la tua richiesta. Che sessione consente di verificare che l'obiettivo proposto nella progettazione della serie terapeutico è stato raggiunto e, da lì, la persona può continuare con altri obiettivi e la creazione di un nuovo processo o visitare ogni due settimane o ogni mese per rivedere la sua pratica per l'evoluzione della stessa e per condividere le loro esperienze.

Questo è il modello. È essenziale che la persona si impegna ad esplorare il processo, poiché se non pratica non possiamo apprezzare esso.

E, la domanda di oro, quanto tempo ed energia ogni giorno ha investire una persona in questo processo?
La nostra sfida è di scoprire come la pratica deve essere efficace in venti minuti. Diciamo venti minuti perché tutti possono trascorrere venti minuti della tua vita per una pratica. Se vi proponiamo una pratica di un'ora, non tutte le persone praticano, a meno che non hanno molto stabilita la disciplina della cura di sé nella vostra vita. A volte anche venti minuti appare loro troppo.

Come illustrato, non sosteniamo in quantità, ma di qualità. Inoltre, riteniamo che quanto efficace è la ripetizione, coerenza, goccia a goccia per creare una nuova abitudine di salute. Poco è spesso più efficace di molto, ma solo una volta a settimana. Meno è più.

La sfida del yogaterapeuta è che in quei venti minuti distillato l'essenza di ciò che mobilita la salute di detta persona. Si tratta di arte in cui la yogaterapeutas siamo specializzati e che chi ci dedichiamo all'insegnamento passiamo nelle nostre formazioni.

Pranamanas Yoga. Scuola di formazione terapia di yoga, Biennale di programma di approfondimento nell'applicazione terapeutica dello yoga, a persone che in precedenza hanno fatto un formazione degli insegnanti di yoga. L'obiettivo è dare una risposta di approccio individualizzato yoga alla domanda e alle esigenze personali di ogni studente.

Casa della prossima edizione: Madrid nel mese di aprile; Barcellona a settembre; Valencia nel mese di ottobre; Siviglia in gennaio 2018 e Donosti in ottobre 2018.

Presentacion-demostracion workshop Chiave per identificare le pratiche di yoga. A Siviglia 05/06/17 (Inssai, AV. Europa 72, Ginés), 06/03/17 (Sadhana, Alginet, 5) Valencia e Barcellona 17/06/17 (confraternite islamiche, Gran de Gracia 115). Dalle 10 alle 14 e dalle 16 alle 20. Ulteriori informazioni: yogaterapeutico@pranamanasyoga.es

Essere socievole, Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra RSS per non perderti nulla

Altri articoli su
Da • 27 marzo 2017 • sezione: Intervista