Intervista con Núria Vives: "conoscere meglio il nostro perineo ci rende più forti delle donne"

Questo grande maestro ci insegna a conoscere la parte più nascosta della nostra anatomia e, tuttavia, uno dei più rilevanti per la nostra vita e per la pratica dello Yoga. E lo fa con abilità e un'enorme delicatezza. Non perdetevi questa intervista... (e il suo corso, se avete la possibilità).

Il corso è super perché coniugare la conoscenza circa il perineo con posture e movimento. Ottiene il servizio di anatomia della coscienza. Metodologia e pedagogia di questo corso sono invitati a riconciliarsi con l'aridità dell'anatomia descrittiva e trovare la direzione del movimento dalla propria esperienza nel corpo.

Parliamo con il suo creatore, Núria Vives, co-autore del libro Smettere di muoversi con Blandine Calais-Germain, con cui ha lavorato per più di 30 anni, lei è il fondatore del metodo 'Perineo, integrazione e movimento'. Suoi corsi sono tenuti in Spagna, Italia, Francia, Cile, Messico e Argentina. Egli è professore di consapevolezza sensoriale, grande corpo istruzione esperto e anatomia per il movimento.

Domanda: Fare perineo? Pavimento pelvico? Diaframma muscolo pelvico? Qual è la definizione corretta e dove è?
Nuria Vives: Tanti nomi per una zona del nostro corpo come sconosciuto! E molti di loro sono nomi vietati, offensivo, parolacce.

Dico una zona sconosciuta del nostro corpo, perché è nella zona dei nostri genitali interni ed esterni e, in generale, le donne giocato a noi poco e guardiamo anche. È così sconosciuto che c'è anche che lo chiamò "il luogo" che non ha nessun nome e... se non ha nome, non esiste.

Mi piace chiamare suo perineo. Mi piace la parola perine, perché una delle definizioni trovate deriva dal greco e significa: Peri, circa, e neo, Tempio.

Infatti, il perineo o pavimento pelvico è un insieme di muscoli e gronda, superficiale e profondo, che vengono inseriti nella parte inferiore delle ossa del bacino e circondano i tre fori dell'uretra, la vagina e l'anno, e questi buchi allo stesso tempo hanno i propri muscoli o dello sfintere.

È certamente una zona un po' "misteriosa" e lontano dai nostri occhi, non credi?
Ultimamente ho trovato con alcune giovani donne che non conoscono che cosa è il perineo e dirmi che essi riconoscono che dà loro "cosa" esplorare, guardare attraverso uno specchio o mettere le dita dentro la tua vagina. Anche molte donne hanno confessato che loro vulva, non amano suoi genitali esterni. Come sarà come se nel migliore dei casi non ha nome, e se avete è una parola oscena? Le donne, oltre a possedere non vedere molti altre vulve da confrontare. Solo gli specialisti in uroginecologia e ostetriche.

Allora diciamo di farlo perché non ci piace? In relazione a quale modello confrontiamo?
Perché questa è una realtà. Ci sembra che con internet le cose sono cambiate, ma molte delle informazioni che ci arrivano sui nostri genitali e soprattutto sulla sessualità, è un modello progettato e creato dall'uomo e per l'uomo. Ad una estremità abbiamo pornografia, che presenta una sessualità perversa e ci allontana dalla nostra realtà quotidiana.

Nella tua esperienza, come tutor di molti studenti di insegnanti di Yoga e altre discipline della coscienza attraverso il corpo, pensi che si verifica una situazione diversa? Questi professionisti conosce il perineo?
In tutti questi anni dare seminari sull'argomento, una delle cose che mi colpisce è la grande ignoranza che abbiamo del nostro bacino e il corpo in generale, e credo che sia importante essere in grado di trasmettere quella conoscenza dall'esperienza corporea. Questo anche accade a molti insegnanti di Yoga ed è estremamente importante per conoscere un territorio così rilevante e trascendente nelle loro pratiche.

Nelle proposte offro linguaggio molto cura affinché siamo in grado di avvicinarsi a questa zona del nostro corpo con dolcezza, tenerezza e rispetto. Prendersi cura dove abbiamo tendono a non farlo di solito è molto importante, e si dovrebbe imparare così tanto per te, come se noi insegnare agli altri. Fare in relazione alla nostra sessualità, mentre ci si lava sotto la doccia, o quando abbiamo alcun disagio (cistite, Candida...) Il mio pensiero è che più che conosciamo e amiamo sopra questa parte del corpo (e altri), meno vi permetterà ogni abuso o indifferenza.

E cosa proponi?

Più vicino alla conoscenza del perineo con curiosità, senza pregiudizi e con la massima attenzione, perché ci risveglia sentimenti nuovi, indipendentemente dalla sessualità, perché si sentono e sapere. O forse, scopriamo che non ci sentiamo... che è anche un modo di sentire!

Perché se una cosa che credo è che sveglio l'esperienza sensoriale della zona è un ottimo investimento personale.
Individuare dove vivere il tuo perineo e che cosa è il perineo sono stati due domande chiave che faccio di solito, e molto spesso mi rendo conto che ha continua ad essere un tabù. Molte donne rispondono a cose come: "Non lo so, che là giù, basso, che cosa si taglia alla nascita, un punto tra la vagina e l'ano...".

Se ho voglia di conoscerci un po' di più, per arrivare al perineo prima deve riconoscere "la casa del perineo", il nostro bacino di meraviglioso osso contenente i tessuti molli del perineo. L'osso è duro, possiamo sentirlo e sentire sotto le dita ed è facilmente raggiungibile. Anche così, spesso sento vergogna solo a toccare il bacino, perché il bacino è anche tabù e un grande sconosciuto.

Per noi, donne, conoscere e soprattutto per sentire il volume del nostro bacino è anche un buon investimento per la nostra autostima e trovare il centro, la nostra forza. Per entrare in contatto con tutti i muscoli del pavimento pelvico o perineo, noi riconosciamo in primo luogo le ossa del bacino, toccarli con le nostre mani, e ciò consente di inquadrare meglio la zona.

Ho sempre viaggiare con modelli in resina pelvico. Il fatto mostra un bacino tridimensionale e posto il perineo prima nel modello può darci fiducia, è un informazioni concrete e permette di viverla dalla naturalezza. Per questo motivo è in un primo tempo, sapere e sentire dove si trova questo muscolo. Ossa, tessuti duri, incornicia i nostri tessuti sensibili e delicate, dei tessuti molli. Abbiamo simbolicamente ci stiamo proteggendo.

È possibile descrivere e immaginare il perineo femmina?
Immaginiamo ogni osso dell'ischio che continua, seguendo in avanti e verso l'alto. Questo osso caminito già non chiamato ischio, ma ischiopubic Ramus. Unire i due rami nella parte inferiore del pube formando ciò che noi chiamiamo la triangolo anteriore del perineo.

Nel corso degli anni che ho notato l'importanza che ha per noi donne riconoscere, individuare e rappresentare nel nostro corpo questo triangolo ossea formata da due ossa che collegano le ossa con la sinfisi pubica. La palpazione di questi rami è sensibile, perché sono molto sensibili al tatto, e la zona è intima. Vale la pena di sapere che Queste due ossa all'interno si troverà la nostra femminilità più profonda: la delicatezza e la forza del perineo.

Guardando a casa, in intimità, questa zona con l'aiuto di uno specchio, riconosceremo molto meglio vederlo in un Atlante di anatomia.
Il nostro precedente perine, nostro ex triangolo del perineo, è molto sensibile, ma a volte, o per tutta la vita, "Abbiamo anestesiamos esso", di non sentire. Da un lato, perché si sentono in grado di produrre una sensazione di vergogna e da altra che questa zona può nascondere nella vostra memoria di corpo sbagliata vivido o traumatiche esperienze. Conoscere questa zona, aiutaci a tenerlo più presente e di integrarla in momenti cruciali della nostra vita

C'è alcuni semplici consigli che puoi offrire a prendersi cura del perineo?
Ho messo brevemente alcuni esempi di situazioni dove prendersi cura del tuo perineo ci darà a lungo termine molta soddisfazione e benessere:

... quando ha ricevuto più pressione, come il sollevamento di un peso, starnuti o tosse, quindi attivarlo! Scompatta il file! Coordinarla con i muscoli addominali!

... Mentre facciamo pipi o defecamos, allentarla senza spingere! Dedicare un sospiro!

E anche in questi momenti cruciali come:

... nascita, permettendo che per rilassarsi, per estenderla, si allarga per lasciare che il bambino,

... amore ri-conferma, sentire la zona ben viva, presente e partecipativo!

... dopo la nascita, prendersi cura di esso per recuperare tono, flessibilità ed elasticità!

... e quando un giorno ci dicono che siamo già della menopausa, perché portiamo un anno senza la regola, là, più che mai, per idratare ogni giorno in tutta l'area.

Come una nuova abitudine, mattina e sera saluto con le nostre mani e le dita bagnate di olio o di crema che ignorato zona, mal denominata, poco conosciuto che noi chiamiamo la vulva, vagina, perineo, solito pelvico... con il riconoscimento, la delicatezza e la tenerezza. Ricordando che essere consapevoli di Questa piccola e preziosa parte del nostro corpo ci rende più forti come le donne.

Il corso di specializzazione "Perineo, integrazione e movimento"

Insegna Nuria Vives, educatore e psicomotorio

Dove: Scuola internazionale di Yoga di Madrid. 91 4166881 t - info@escueladeyoga.com

Quando: dal 25 al 28 maggio 2017 (28 ore)

Ulteriori informazioni: www.escueladeyoga.com/Cursos-Nuria-Vives/

www.perineintegracionymovimiento.com

www.nuriavivesanatomia.com

Essere socievole, Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra RSS per non perderti nulla

Altri articoli su
Da • 23 mar, 2017 • sezione: Intervista, Scuola internazionale di Yoga