Intervista con Swami Satyananda Saraswati: "Lo Yoga più importante imparare in silenzio"

Andò in India in cerca di una guida per la pratica nel 1976. Lì egli divenne dimesso)sannyasi) dell'ordine di Sri Shankara e restituito, 30 anni dopo, in Spagna, dove egli condivide insegnamento trasmesso e l'essenza dello yoga a coloro che vogliono approfondire questo percorso. È un'intervista di Irene Jimeno per YogaenRed.

Swami Satyananda

Conto Swami Satyananda Saraswati nel 1970, all'età di 15, leggere il Bhagavad Gita, un testo che si svegliò in lui un intenso bisogno di approfondire al suo interno. Ha iniziato a praticare hatha yoga con l'aiuto di Van Lysebeth, Swami Sivananda, Iyengar, Vishnudevananda libri e diversi insegnanti guidano.

Ho notato come l'asana e respirazioni yogiche calmare la mente, armonizzata prana e si stava scoprendo un altro modo di vivere. Naturalmente la loro dieta è diventato un vegetariano e finalmente raggiunto la meditazione e la necessità di trovare un insegnante che guiderà questo processo. Questo bisogno lo ha portato in India nel 1976.

Avete dedicato la vostra vita a questo processo. Dopo tutti questi anni, come definiresti lo Yoga?

Lo yoga è un insieme di pratiche, tecniche e conoscenza che conduce al pieno riconoscimento della nostra essenza, per dare a noi è che siamo tutti, una coscienza oltre l'individuo.

Krishna definisce lo yoga nella Bhagavad Gita come la dissociazione con la sofferenza. Lo scopo dello yoga è Kaivalya, rilasciare. Libero dall'illusione di essere un corpo-mente e riconosciuto come la coscienza sempre gratuita.

In Occidente, oggi, quando parliamo di yoga molte volte ci riferiamo allo Hatha yoga.

Sì, e lo Yoga è molto di più. Ad esempio, le asana, di Raja yoga di Patanjali è solo un altro passo nel processo. Ma prima troviamo il yamas, impeccabile comportamento etico in tutte le vostre azioni: non-violenza, veridicità, non del caso a ciò che non è tuo, autocontrollo ed essere liberi di avidità. Solo correttamente dopo questo primo passo, ciò che un cambiamento abbiamo! Ma spesso il Hatha yoga non è associato a uno stile di vita che include tutte le nostre vite. Molte persone stanno cercando per yoga solo la soluzione a problemi fisici e mentali quando potevano trovare molto di più. Un buon professore, che vivere lo yoga in modo profondo, non solo ha la capacità di risolvere questi problemi, ma è in grado di visualizzare accuratamente e secondo ogni persona, un altro modo di vivere che può portare una gioia molto più grande.

Cosa consiglierei a qualcuno che si sente si vuole approfondire la vostra pratica di yoga?

Se le asana e il pranayama sono eseguite correttamente, naturalmente si pone un silenzio che conduce alla meditazione. Lo Yoga più importante che impari in silenzio. Tale stato dove non è presente alcun contenuto nella mente e dove l'idea stessa di 'I' scomparirà. In questo silenzio troviamo insegnamento più sacro, e questa è la porta del risveglio. Vorrei anche dire che indagare e per godere la grande saggezza della filosofia dello yoga: Karma yoga, lo yoga dell'azione disinteressata, Bhakti yoga, lo yoga della devozione, Yoga di Raja, lo yoga di Jnana yoga, la meditazione, lo yoga della conoscenza...

Avete vissuto 30 anni in India. Che cosa trovate tutti questi anni di pratica?

La grazia del mio maestro, impatto invisibile e potente risultato del contatto con una persona stabilita nella conoscenza. Questo è senza dubbio quello che più mi ha trasformato. Poi, naturalmente, gli anni di pratica felice: hatha yoga, pranayama, meditazione rigorosa, recita dei testi e la ripetizione di mantra, pellegrinaggi, lo studio dei testi sacri, la società dei maestri... E lunghi periodi di vita solitaria.

Questo isolamento è necessario attraversare il percorso di yoga o è possibile combinare con la frenetica vita moderna?

Se leggiamo le vite degli Yogi, molti di loro si ritirò per dedicarsi alla pratica in pienezza. Allo stesso tempo, molti maestri contemporanei ci insegnano che possiamo prendere una pratica yoga nella vita quotidiana. Tutta la vita è Yoga. Ecco il grande segreto! ¿Se io non sono in grado di trattare il mio bambino o non sono etico agli altri, perché di fatto SALAMBA molto bene? Sua vita consacrata Yogi. Se riusciamo a vivere costantemente con questo atteggiamento, la vita diventa il modo e il Maestro; e in ogni situazione, in un luogo dove poter crescere. Tutto questo in un ambiente rilassato, hai sbagliato noi, ma sapendo che Se abbiamo un intenso desiderio di raggiungere la libertà interiore, vita terrà una dimostrazione mezzi per raggiungere questo obiettivo.

"Lo Yogi sua vita consacrata", cosa vuol dire sacralizzare la nostra vita?

Dobbiamo innanzitutto interrompere la volgarità che ci circondano media ed elevare la nostra vita. Yogi vive con pochi valori elevati e contempla la divinità della sua stessa essenza. Lentamente e a causa dell'intensità della sua pratica, inizia a ricevere questa essenza divina degli altri, nell'universo, in alberi, animali, montagne ed entra in uno stato naturale e alto della coscienza.

Possiamo riconoscere questa sacralità nelle nostre radici occidentali?

L'essere umano ha sempre cercato l'infinità del suo proprio essere. Dalla metafisica profonda indù per gli antichi greci e romani filosofi (pitagorici, orfico, platonica, neoplatonica...), Taoismo, Buddismo, le tradizioni degli indiani sioux, lakota o persone; per non parlare delle tradizioni degli sciamani del Nord Europa e molti altri... La ricerca per l'infinito è parte della ricerca esistenziale dell'essere umano. Come si suol dire il Upanishadnulla di finito ci darà soddisfazioni. In realtà è l'infinito che cerca se stesso.

Il tuo insegnante, Swami Muktananda, insegnato Yoga e Advaita Vedanta e Shivaismo kashmiro come metodi per riconoscere questa infinità.

Le varie scuole all'interno di Hinduism sono molto permeabili e condividano molti principi. Uno degli insegnanti di yoga contemporaneo catergory, Swami Sivananda di Rishikesh, è stato un grande esponente dell'hatha yoga, ma anche del raja yoga, yoga di bhakti e Advaita Vedanta. Allo stesso modo, il mio insegnante abbiamo formato in hatha yoga, sottolineando i benefici di questa pratica, mentre, allo stesso tempo, abbiamo iniziato la pratica di kirtan, Canto devozionale e meditazione e il percorso di conoscenza del Advaita Vedanta. Advaita è la concezione metafisica della Upanishad(più successivamente sviluppato da Sri Shankara, a Ramana Maharshi), che conduce al riconoscimento di non-duale della nostra essenza o atman.

Qual è l'essenza dell'Advaita Vedanta?

Comprensione chiara, in primo luogo nel senso intellettuale e dopo modo esperienziale, che C'è una singola essenza trascendente di là di tutti i nome, forma, tempo, spazio, causa ed effetto. E questa realtà trascendente testi cercando di descrivere attraverso concetti come 'Sat cit ananda' (esistenza, coscienza e beatitudine assoluta), è quello che sono, la coscienza non-duale.

E otteniamo questa conoscenza?

Attraverso l'auto-indagacion o Claudio, il discernimento tra ciò che è reale, Sabe ciò che è temporaneo, ASAT. La conoscenza di chi sono io? Io sono questo corpo? Io sono l'energia prana o vita? La mente, l'intelletto? Il motore di ricerca approfondisce la richiesta fino a quando il motore di ricerca e cerca di andare via e ciò che rimane è la realtà sempre piena e liberarsi.

Swami Satyananda Sarà un rifugio esperienziale su Advaita Vedanta in agosto 2016 può Sans, Girona, esporre il lavoro di Sri Shankara: Vivekacūḍāmaṇi, il gioiello supremo di discernimento.

Per ulteriori informazioni consultare il sito: www.advaitavidya.org


Essere socievole, Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra RSS per non perderti nulla

Altri articoli su
Da • 9 giugno 2016 • sezione: Intervista