Il problema esistenziale e la sua soluzione

Qual è il problema esistenziale? Limitazione. Assenza di pienezza, di soddisfazione totale e permanente della libertà. Felicità fugace, condizionata. La sofferenza. Desiderio. Morte. Scrive David Rodrigo (Acharya Jijñasu), insegnante tradizionale dell'Advaita Vedanta e meditazione.

problema esistenziale

Non c'è soluzione umana una?

Sì. Qui e ora. In questa stessa vita. Anche se non è semplice. Non è complicato.

Salute naturale (assenza di problema)
Essere, senza distorsioni o limitazioni.
Pura coscienza, esistenza, felicità, autoesistente, auto-trajera.
Libertà.
Eternità.
Conoscenza assoluta e diretta se stessi, di se stessi.
Uno, unico, immutabile, indivisibile, intoccabile, onnipresente, senza causa o effetto, senza nascita, trasformazione, degenerazione, malattia o morte.
Assenza di desiderio e paura. Pienezza.

Causa del problema
Ignoranza del vero essere di se stessi. Il soggetto (che vede, pura coscienza) viene percepito dall'associato all'oggetto error (i tre guna ´atributos´: ´sensibilidad´ sattva, rajas tamas ´insensibilidad´ e ´accion´). Questa confusione è data dalla vicinanza della natura del soggetto (Vedi) e l'oggetto (essere visto). Di conseguenza, il soggetto acquisisce la falsa identità di loro individuo (ego, mente, organi di percezione e azione, corpo), che è limitato dal tempo, spazio e causalità, fa esperienza altrettanto limitato di oggetti e anela la pienezza, il sogno di libertà.

Questa falsa identità o ignoranza essenziale è oltre il tempo, spazio e causalità. Tuttavia, l'esperienza ha dimostrato che l'essere umano è in grado di cesar a questa falsa identità e a riconoscere il proprio essere illimitato. Chiama quelli che hanno successo esseri realizzati. Questi possono aiutare a guarire gli altri, cura rimangono vivi nel mondo.

Cura
Separare chi vede (soggetta, pura coscienza) degli oggetti visti (i tre guna in suo materiale e sottile stato, conoscibile dai sensi del corpo e l'intelligenza, rispettivamente).

Trattamento
1. pulizia esterna
Dieta e stile di vita sano.
Non mangiare o consumare più ansia che necessario per raggiungere la potenza necessaria e del comfort. Vita semplice, armonica, piacevole e tranquilla. Non sedentario. Esercizio fisico: hatha yoga, passeggiate nella natura...

2 pulire l'interno
La non-violenza. Non-competitività piuttosto che contro le proprie tendenze mentali di identificazione con i corpi (ego, mente, corpo fisico) e conseguente (desiderio, odio, paura) attaccamento con oggetti esterni. Mentre è in funzione l'ego non può dare conto della differenza tra materia e coscienza (che vede) (quello che vedi), e che questa stessa confusione è la natura dell'ego.
Non-possessività. Niente è veramente tuo, non il tuo corpo. Di non rubare. Non c'è niente al mondo che dà felicità permanente che si desidera.
Precisione, trasparenza, semplicità, umiltà, rispetto, tolleranza.
Forza interiore. Chiarezza nell'autogoal. Perseveranza, di molto duro che è.
Auto-controllo degli organi di azione, compreso il sesso e la parola. La fonte della felicità non è esterna.
Conformità con amore e attenzione con il vostro dovere.
Buoni sentimenti:
-Sarai il bene degli altri.
-Di essere compassionevoli con la sofferenza degli altri.
-Non non odio chi fa il male.

3 venire a Sage/felice e praticare i loro insegnamenti e l'esempio
Ascoltare, studiare e contemplare la conoscenza che differenzia l'ultima realtà di chi vede e ciò che si vede: pura coscienza e i tre Guna. Scritture come Bhagavad Gita, Upanishad, Yoga Sutra, ecc derivano dalla conoscenza interna della distinzione e rivelare il metodo, così l'umanità può raggiungerlo.
Trascorrere il tempo più lungo possibile alla contemplazione di tale conoscenza.
Fiducia in se stessi, anche.
Interagire con altri cercatori di verità relative. Rispettare ogni parte del mondo.
Amare la verità onnipresente come realizzazione di sé. Piegare i sensi e la mente. Questi vengono passati il pasturando vita nel prato di oggetti e sono sempre affamati, che divora il mondo inutilmente.
Meditare felice, costantemente e con amore nella verità onnipresente come essere. La meditazione è di concentrare la vostra coscienza piccola (tua intelligenza: finalmente) in pura coscienza, dove non c'è nessun tuo né mio, piccolo o grande o qualsiasi altro deterioramento a seguito di contatto immaginato con i guna. Meditazione è quello di isolare la vostra coscienza pura, sentire la vostra auto senza le vesti di oggetti inerti: vostro individuo e il mondo.
Agire di conseguenza. Senza aspettative. Che scorre con la marea di bellezza trascendente che bacia al mondo. Elimina il divario tra la vostra esperienza meditativa e la vostra vita. Vivere meditativamente, migliorare i vostri rapporti con più pace e amore. La meditazione non è un'azione, ma uno stato di coscienza. È non chiudo gli occhi, ma aprire il terzo occhio, la pura coscienza, la fonte di luce che abbraccia il mondo nelle sue viscere.
La respirazione diaframmatica, sguardo lento, armonioso.
Ignora i tuoi pensieri, emozioni, reazioni di fugace. Guarda i tuoi pensieri ricorrenti. Si rivelare la tua personalità e quello che hai da polacco.
Concentrazione nel se stesso in ogni momento, in ogni azione, ogni pensiero, ogni sentimento, ogni parola in.
Dedicare la tua vita e il tuo cuore al sé onnipresente.

Propria esperienza fugace, in primo luogo, permanente, quindi conferma l'infallibile efficacia del trattamento.
Sotto il giogo inesorabile del tempo, la limitazione esistenziale è eterna. Ma l'esistenza libera abita da altra parte, di là del tempo.
Non c'è nessuna malattia nel soggetto, per sempre sano, bello e felice.

Tempo di trattamento
Indeterminato. Dipende l'intensità con cui il trattamento è applicato.

David Rodrigo

Insegnante tradizionale dell'Advaita Vedanta

David RodrigoLuce della scrittura - scuola di Vedanta

http://luzdelasescrituras.wix.com/escueladevedanta

Ha dato anima e corpo allo studio e alla pratica delle scritture originali di Advaita Vedanta (Prasthana Traya ´Triple corro-)Bhagavad Gita, Upanishad e Brahma Sutra-con il commento di Adi Shankaracharya e Bhamati, parte della ´Gran Brihat Prasthana Traya Triple corro -Advaita Siddhi(-, etc.), yoga)Yoga Sutra Patanjali, Sankhya), il resto delle scuole classiche di filosofia o astika indiano di Maio e sanscrito nella tradizione Advaita Vedanta di Adi Shankaracharya con Dravidacharya Shri Ramakrishnan Swamiji (Shastra Nethralaya) Rishikesh, Himalaya, India, 2008-14 (sei anni).

Ha intensificato la sua meditazione nella tradizione dei Rishi (grandi Yogi) dell'Himalaya con Swami Veda Bharati Swami Rama Sadhaka erba Ashram, Rishikesh, 2012-14, dove tradizionalmente trasmesso le Scritture del Vedanta e Yoga ha iniziato e diretto Dhyana Gurukulam, una scuola tradizionale nella tradizione della meditazione dei Rishi dell'Himalaya.

Nel 2004 ha fondato la luce della scrittura - scuola Vedanta in Spagna a trasmettere le scritture di Advaita Vedanta e Yoga ha rivelato con il fuoco della conoscenza pura quel bruciore limitazione esistenziale, l'ignoranza del reale io tifo.

Corsi (anche a distanza)
Madrid, Barcellona, Valencia

Moksha Sadhana, vita di liberazione
Ecocenter, Madrid
Venerdì 12 settembre, dalle 19:00 a 21:00
Ingresso gratuito

Programma completo:
Studio tradizionale delle scritture originali e complete di Advaita Vedanta e Yoga
Yoga Sutra, Bhagavad Gita, Upanishad, ecc.

Meditazione
Alzando la vita, vedere il

OM, significato e pratica

Morte
A sentirlo, capirlo, viverla, trascenderlo

Essere socievole, Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra RSS per non perderti nulla

Altri articoli su
Da • Set 17, 2014 • sezione: Firme