La struttura della Bhagavad gita

Distinguere i livelli di istruzione della Bhagavad gita può aiutarci a comprendere l'unità del giunto del messaggio del Signore Krishna. Da Juan Carlos Ramchandani (Krishna Kripa)

Krishna-arjuna

Senza posto a dubitarne Bhagavad gita È un trattato spirituale di prima grandezza e uno dei classici più importanti del mondo. Capire che una concezione gerarchica della realtà è ciò che caratterizza la Gita Puoi aiutarci a percepire la coerenza del messaggio della Gita.

Il Bhagavad gita colloqui da due livelli principali della realtà e un terzo, intermedio. Possiamo usare i termini sanscriti Dharma e Moksha per trattare i due livelli principali e il termine Yoga per il terzo. Dharma si riferisce a un insieme di valori che includono dovere, religione, morale, legge, ordine e giustizia, che ha formato il cardine della vita civile. Yoga Si riferisce al tentativo di spostare lontano dalla vita mondana, mentre ci sforziamo di unire lo stato rilasciato. Moksha A cui si riferisce la perfezione di stato rilasciato e l'esistenza eterna di puro servizio devozionale unto il Signore Supremo, Sri Krishna. Il livello del dharma rappresenta la condizione umana o mondana, il livello di moksha rappresenta la condizione reale o assoluta (liberazione) e il livello di yoga è intermedio. Inoltre possiamo definire questi tre livelli chiamati il finito, intermedio e infinito.

Possiamo distinguere ogni livello per quanto riguarda i valori e il "essere". Nel caso di dharma, la regola generale in termini di valore è prosperare. A questo livello, brama mondana felicità e prosperità, considerandoli buona. In quando l'essere, è fornisce all'entità vivente mentre il corpo, già è prova dell'essere umano o di altre specie.

Nel secondo livello (yoga), lo rifiuta prosperità mondane, dando valore si al contrario il distacco del mondo e l'indifferenza per la sua felicità per quanto riguarda l'infelicità mondana. A questo livello, abbiamo anche incorporare una realtà superiore, rappresentata da moksha. Nello yoga, potranno apprezzare la superiorità dello spettacolo è Fiera sia riguardo legate alla felicità legate alla miseria e il desiderio si fuse nel Brahman. In relazione a essere, già non è percepito identità o altri corpi estranei ma anime spirituali che sono disciplinate dalle leggi del samsara.

Il terzo livello (moksha), sovrascrive l'indifferenza e il distacco del secondo livello con un profondo amore e attrazione verso la persona suprema. Riguardo essendo, ritrovata anima spirituale del secondo livello diventa un servo puro e amorevole della persona suprema.

Tre livelli rappresentano Stati o atteggiamenti mentali interni. Pertanto, coloro che contemplare il mondo dal punto di vista degli spettacoli primi livelli convinta che egli è un essere umano e che il suo obiettivo è quello di prosperare. Nel secondo livello, dimostra che è convinto di un essere spirituale incarnato cui obiettivo è di rilascio è di tale condizione. Nel terzo livello, si di cui il Signore Supremo in tutte le parti e cerca di amarlo e servirlo.

Potremmo usare un edificio di tre piani come una metafora. Ogni piano contiene percorsi e opportunità illimitate. Inoltre, i residenti di ogni pianta dominano una lingua, condizioni e presupposti stessi. In un certo senso, il Bhagavad gita parla tre lingue e costantemente in movimento tra questi tre livelli. Come riconosciamo un livello testo o sezione in particolare, tale testo o sezione diventa intelligibile e può comprendere la coerenza della stessa rispetto al resto del trattato.

Un esempio delle variazioni dei livelli metafisici

Quando Arjuna si oppone alla loro partecipazione alla guerra, lo fa dal primo livello. Possiamo esaminare i loro argomenti secondo i due parametri menzionati sopra: valori ed essere. Per quanto riguarda tali valori, è chiaro che la causa fondamentale della dichiarazione di Arjuna è il desiderio di guadagno prosperità mondane. Uno dei loro argomenti chiave è che la guerra avrebbe portato alla degenerazione del dharma e la manifestazione di adharma, causando sofferenza al mondo. Come è convinta che la prosperità sia buona, si oppone la guerra. In rapporto all'essere, Arjuna ha e gli altri dagli esseri umani.

Arjuna di Krishna non è responsabile per la diretta, ma ci vuole la conversazione al secondo livello. La risposta di Krishna i valori proposti sono radicalmente differenti; Krishna non accetta l'idea che la prosperità mondana è qualcosa di buono, ma richiede l'indifferenza (e resistenza) sia alla felicità e alla sfortuna di mondano. Si dice che essi sono transitori e prodotta esclusivamente dal percezione sensoriale. In che riguardano l'essere, Krishna non è si riferisce ai soldati presenti come esseri umani; di contro, si riferisce a loro come anime spirituali.

Non risponde ai dubbi di Arjuna circa la guerra in modo diretto, Krishna eseguita una sorta di "Svolta copernicana", per modificare le ipotesi sottostanti della conversazione. Arjuna argomenta che uccidono loro parenti è pessimo, ovviamente un'asserzione di primo piano che si presuppone che le persone sono soggetti alla morte e che abbiamo bisogno di fuggire e ogni volta che siamo in grado di perseguire una vita prospera. Krishna non risponde agli argomenti di Arjuna, ma porta la conversazione a un livello diverso e parla degli altri presunti. In sostanza dice che la morte ex inesistente (una fantasia di secondo piano) e, pertanto, non trova logico loro argomenti di Arjuna. Inoltre, Krishna sfida l'idea di Arjuna che prosperità mondane è buono e desiderabile. Propone l'idea di questo spettacolo è indifferente alla felicità e la miseria è così buono e desiderabile. Quindi si sta parlando da una posizione di secondo piano.

L'aspetto trasformazionale

Come pratica di scrittura il Bhagavad gita fornisce i mezzi per salvare il divario tra il primo livello (dharma) e il terzo (moksha). Seguire rigorosamente dharma mentre si evita adharma non è sufficiente per raggiungere il livello di moksha. È necessario un tipo di sforzo o un percorso diverso. Questo processo o azienda a volte riceve il nome di autorealizzazione, e implica un modo di trasformazione di cui vai avanzando passo dopo passo, superando così il livello più basso per arrivare alla più alta. Che mezzo o sistema pratico ci offre? Bhagavad gita?

Una domanda importante che genera il Bhagavad gita È se scegliamo il percorso di azione e contemplazione. Arjuna propone questo problema in due occasioni, all'inizio dei capitoli terzi e quinto. Il Bhagavad gita Essa raccomanda chiaramente il modo di azione come il mezzo con cui il praticante sarà elevato dal livello del dharma per la di moksha. Si esegue questa azione di aumento secondo il dharma personale ed è continua l'esercizio di sforzo è all'interno della cornice Dharma durante tutto il tour. Così, Krishna incoraggia ad Arjuna di sua conversazione per seguire il suo dharma e lotta. Tuttavia, come progredisce il testo, le ragioni di tale Arjuna guerra van profiling è. Krishna Mostra ad Arjuna come è possibile combattere in uno stato di coscienza più e più alta. Pertanto, anche se esternamente continuare ad espletare la nostra volontà di dovere, sopportare una trasformazione interne grazie alla sublimazione o la purificazione del nostro cellulare esegue l'azione. Di questa modalità è configurato un tipo di scala, Grazie al quale non è consentito ad aumentare sempre di più, Dal dharma di moksha, la lunghezza e la larghezza del sentiero del Kriya.

(Per continuare in un ultimo capitolo che pubblicheremo la prossima settimana)

Juan Carlos Ramchandani piccoloChi è

Juan Carlos Ramchandani è purohit (sacerdote indù), yoga-acharya (insegnante di yoga) e dottore in filosofia indù tradizionale. Ha pubblicato 11 libri e numerosi articoli su yoga e induismo. Si reca in tutta la Spagna, docenza e celebrare cerimonie vedica.

http://jcramchandani.blogspot.com.es/

Essere socievole, Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra RSS per non perderti nulla

Altri articoli su ,
Da • 13 gennaio 2014 • sezione: Firme