L'educazione è una cosa di tutti

Non possiamo essere contro una persona, bambino o giovane e non educarlo. Semplicemente con la nostra presenza, sguardo, emotivo e atteggiamento del corpo stanno educando dall'esempio di trasmissione da persona a persona. E questo è ciò che in realtà imparano e impariamo: ciò che viene dalla trasmissione, dall'esperienza. Perché l'apprendimento è un atto di acquisto, elaborare, capire e applicare ciò che viviamo e di esperienza. Scrive Lidia Serra.

Imparare

Ogni parola, ogni gesto, ogni espressione significa qualcosa da noi e trasporta un messaggio chiaramente esplicito ai quali abbiamo dirigerla. I bambini e i giovani hanno una struttura molto sviluppata per catturare noi e l'ambiente che vengono, chi siamo, e dobbiamo essere in grado di sviluppare. Quindi dobbiamo essere molto attenti a tutto ciò che ci dicono o fanno, soprattutto durante i primi sette anni di vita, perché il suo sistema è stato progettato con una capacità altamente sviluppata "registrazione" tutto ciò che vedono, quello che sentono, ciò che essi percepiscono e il suo sguardo va oltre l'aspetto esteriore delle cose.

Por eso necesitan lo mejor, y los adultos se lo podemos ofrecer si estamos atentos escogiendo entre aquello que realmente pueda cubrir sus necesidades de lo que no. Muchas veces los adultos educamos a partir de parámetros propios de adultos, sin pensar en estas necesidades auténticas. Saber y entender qué es lo justo y necesario para cada niño, niña o joven es una tarea difícil pero apasionante.

Simplemente tenemos que reconectarnos con el niño-niña interior que llevamos dentro y que, a veces, puede estar olvidado, escondido. Este es un acto que los adultos podemos hacer: redescubrir nuestra infancia sin dejar de ser adultos. Poder jugar los dos papeles nos da la capacidad de poder discernir aquello que puede ser necesario para nuestro niños de aquello que no lo es.

Tenemos que aprovechar esta doble función que nos permite ejercer estos dos papeles; los niños y jóvenes, todo su potencial ilimitado, todavía no tienen esta capacidad. Y esta capacidad es lo que nos otorga la competencia para educar.

Empezar por nosotros niños

I bambini sono collegati costantemente con il presente e il loro atteggiamento è consegna e fluidità assoluta verso tutti gli esseri viventi, tutto quello che vi proponiamo. Anche se a volte con i loro atteggiamenti sembrare che non è così, essi dipendono da noi per sviluppare come gli esseri umani nascono "per finire" e fino a quando intorno all'età 21 questo periodo di crescita non è finito. Quello che ricevere e sperimentare questa fase determina fondamentalmente lo sviluppo del loro sistema fisico, emotivo, intellettuale e spirituale.

Se gli adulti collegano con questa puntata e la presenza del nostro bambino interiore allo stesso tempo che il nostro discernimento già sviluppato e proprio noi, offriamo una formazione di qualità e non quantità. Che è che cosa i giovani, i bambini ci chiedono e bisogno il nuovo paradigma educativo: la cosa migliore che possiamo fare per l'educazione dei bambini e dei giovani è quello di iniziare da noi stessi.

Lídia Serra López è responsabile del progetto "Educare Yoga"
http://www.elyogaeduca.com/

Essere socievole, Condividi!

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra RSS per non perderti nulla

Altri articoli su ,
Da • 22 luglio 2013 • sezione: Firme